Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

13 sindaci indagati, maxi inchiesta sui depuratori. Coinvolti anche i tecnici comunali

15 / 01 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Non esiste alcun sistema di depurazione dell’acqua in molti comuni di Terra di Lavoro, o spesso non sono a norma. E’ l’accusa della Procura di Santa Maria Capua Vetere riassunta nelle indagini, condotte dai carabinieri del Noe in collaborazione con i tecnici dell’Arpac e dell’Asl, che hanno portato i magistrati ad emettere 70 avvisi di garanzia nei confronti di sindaci, tecnici comunali e imprenditori. Sono 21 i comuni che inquinano le nostre acque perché non depurano gli scarichi fognari. Tra questi alcuni anche “blasonati” come Riardo o Pratella, noti per l’acqua minerale con le bollicine. E tra gli indagati vi sono anche nomi importanti della politica: il sindaco di Capua Carmine Antropoli, quello di Alvignano Angelo Di Costanzo (anche consigliere regionale), il sindaco di Castel Morrone Pietro Riello (assessore provinciale) e quello di Sessa Aurunca, Luigi Tommasino. Singolare il caso di Calvi Risorta, dove sotto accusa finiscono gli ultimi tre sindaci: Giacomo Zacchia, Antonio Caparco e Giovanni Marrocco. Tra gli indagati figurano inoltre diversi tecnici comunali, in qualità di responsabili unici dei procedimenti di depurazione. Stessa sorte per i titolari delle imprese che gestivano i depuratori nei vari comuni coinvolti.

Questi i comuni coinvolti nell’inchiesta: Alife, Alvignano, Caianello, Calvi Risorta, Capua, Capriati a Volturno, Carinola, Castel Morrone, Castel Di Sasso, Castello Matese, Conca della Campania, Dragoni, Falciano del Massico, Fontegreca, Giano Vetusto, Gioia Sannitica, Liberi, Marzano Appio, Pietramelara, Pignataro Maggiore, Pratella, Pontelatone, Riardo, Rocchetta e Croce, Sessa Aurunca, Tora e Piccilli, Vairano Patenora.

 Questi i sindaci in carica indagati: Carmine Antropoli, sindaco di Capua; Piero Rielllo, sindaco di Castel Morrone; Salvatore De Risi, sindaco di Carinola; Angelo Di Costanzo, sindaco di Alvignano; Antonio Montone, sindaco di Castello Matese; Alberico Di Salvo, sindaco di Conca della Campania; Feroce Marino, sindaco di Caianello; Antonio Carusone, sindaco di Pontelatone; Antonio Zona, sindaco di Giano Vetusto; Luigi Tommasino, sindaco di Sessa Aurunca; Mauro Cacciola, sindaco di Pratella; Eugenio Ferrucci, sindaco di Marzano Appio; Giovanni Marrocco, sindaco di Calvi Risorta.

capua depurazione fogne indagati sindaci inchiesta
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it