Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

23 INDAGATI, sequestrati gazebo e tavolini a numerosi bar e ristoranti del centro storico.

03 / 10 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Carabinieri in azione in decine di locali del centro di Caserta questa mattina su ordine della Procura della Repubblica. I militari stanno sequestrando gazebo e tavolini a bar e ristoranti dopo una segnalazione della Soprintendenza. Nel mirino sono finite decine di attività tra corso Trieste, piazza Dante, via Mazzini, via Roma e piazza Vanvitelli. Alla base dei sequestri ci sarebbe l'assenza del parere della Soprintendenza per poter occupare suolo pubblico in zona vincolata. Una situazione che, per molti commercianti, è apparsa paradossale visto che tutti avevano effettuato espressa richiesta all'amministrazione comunale di Caserta dalla quale avevano ottenuto i permessi per l'occupazione dietro il pagamento della Tosap.

L'azione dei militari è scattata proprio dopo una segnalazione della Soprintendenza ed ha colpito tantissimi commercianti e gestori di locali che, stamattina, sono stati colti all'improvviso. Gli unici che si sono salvati sono quei locali che avevano presentato una richiesta autorizzava inferiore ai sei mesi per i quali non c'è bisogno del parere della Soprintendenza. 
Le strutture sequestrate sarebbero state realizzate in pieno centro storico, in zona vincolata, senza le necessarie autorizzazioni della Sovrintendenza ai Beni Paesaggistici ed Architettonici. Eppure Palazzo Castropignano le aveva autorizzate facendo procedere i titolari all'installazione. Per questo motivo nei mesi scorsi i carabinieri hanno effettuato un blitz all'interno della Casa Comunale per acquisire tutti gli atti relativi ai permessi. Un'inchiesta che potrebbe allargarsi anche ad altre zone sottoposte a vincolo paesaggistico.

Ventitré indagati, tra i quali risultano anche i dirigenti del Comune di Caserta Gianni Natale e Marcello Iovino, che hanno firmato (in tempi diversi) le autorizzazioni per i locali. Con loro sono stati iscritti nel registro degli indagati anche Carmela Musto, 60 anni di Caserta; Maddalena Argenziano, 43 anni di Macerata; Giuseppe De Luca, 46 anni di Marcon (Venezia); Gianluca Vitiello (38 anni di Caserta); Giuseppe Sibilla, 38 anni di Caserta; Francesco Cimmino, 36 anni di Caserta; Alfonso Bruno, 52 anni di Caserta; Fabio Biondi, 32 anni di Napoli; Antonio De Lucia, 35 anni di Caserta; Roberto Spina, 49 anni di Macerata; Gennaro Capasso, 49 anni di Caivano; Luigi Bernardo, 43 anni di Casagiove; Elisabetta Petti, 42 anni di Sant'Agata de' Goti; Alfonso Focaccio, 58 anni di Napoli; Alfonso Storace, 41 anni di San Nicola la Strada; Antonino Toraldo, 54 anni di Crispano; Magdalena Antonucci, 24 anni di Caserta; Michele Marzano, 41 anni di Caserta; Maria Grazia Valentino, 50 anni di San Prisco.

 

 

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it