Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

SCANDALO ESORCISMO | A letto nude con don Michele Barone e la sua amante

24 / 02 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Emergono nuovi particolari sull'arresto di don Michele Barone, finito al centro dell'opinione pubblica dopo il servizio de 'Le lene' su un presunto caso di esorcismo ai danni di una 13enne. La stessa Procura diretta dalla dott.ssa Troncone evidenzia come "don Barone ingenerando nelle giovani donne la convinzione di essere possedute dal demonio, ha carpito la loro buona fede e le ha sottoposte a trattamenti disumani e profondamente lesivi della loro integrità fisiopsichica, nonché della loro dignità.

Infatti, nel corso di "quotidiani" riti di liberazione e purificazione dell'anima, sia T. A., sia C.R., nonché, numerose altre vittime, sono state violentemente percosse, brutalmente ingiuriate costantemente minacciate e costrette a subire, contro la loro volontà, atti sessuali, consistiti in palpeggiamenti in zone erogene, nella sottoposizione forzata a denudazione e nella aberrante prassi di dormire, nude, insieme al prete e alla sua amante".

Il parroco, in servizio presso il Tempio di Casapesenna, è stato arrestato sulla pista d'atterraggio dell'aeroporto di Napoli-Capodichino mentre tornava da un pellegrinaggio da Cracovia nonostante lo scorso 16 febbraio è stato sospeso dal Vescovo S.E. Mons. Angelo Spinillo perché "ha tenuto comportamenti inadeguati allo stato sacerdotale ex cann. 273 CJC, che sancisce che «I chierici sono tenuti all'obbligo speciale di prestare rispetto e obbedienza al Sommo Pontefice e al proprio Ordinario», e del can. 1172, § 1 CJC, che vieta a chiunque di compiere esorcismi sugli ossessi, se non abbia ottenuto una speciale ed espressa licenza dell'Ordinario del luogo".

don michele barone esorcismo
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.