Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

FERIMENTO DELLA PROF - IL VIDEO | Il Premier Gentiloni incontra l' insegnante. Presto un' onorificenza

05 / 02 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha ricevuto a Palazzo Chigi la professoressa Franca Di Blasio, aggredita con un'arma da taglio in classe da un alunno nell'istituto superiore professionale Majorana-Bachelet di Santa Maria a Vico. "Di fronte a una cosa così terribile lei è stata perfetta - le ha detto Gentiloni - ha fatto dei discorsi da 'professoressa". "Grazie, faccio un lavoro che mi piace, con passione" ha risposto Franca Di Blasio. "E si vede" ha aggiunto il premier. Anche il Ministro dell'Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca Valeria Fedeli ha incontrato al Miur la professoressa Franca Di Blasio. Oggi stesso il ministro Fedeli scrivera' al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per chiedere un'onorificenza come Cavaliere della Repubblica per la docente, come forma di riconoscimento per l'impegno e l'amore profusi ogni giorno nella sua professione. E come atto simbolico di valorizzazione del ruolo chiave che le insegnanti e gli insegnanti hanno nell'educazione delle nuove generazioni, soprattutto nei contesti di maggiore difficolta'.

Intanto il gip del tribunale dei Minorenni ha convalidato il fermo nei confronti del 17enne. La Di Blasio verrà sentita nei prossimi giorni dal pubblico ministero. Solo allora, forse, potrebbe cambiare qualcosa per l'aggressore. Al momento è troppo grave, sotto il profilo della responsabilità, il quadro emerso a suo carico; anche l'arma usata ha fatto la differenza, visto che si tratta di un tipo di coltello che si trova in negozi specializzati, usato da chi sa maneggiare bene armi da taglio; il minore ha sempre raccontato di averlo trovato fuori alla scuola, escludendo di averlo portato da casa, ma il racconto non ha mai trovato troppo credito tra gli inquirenti, sebbene al momento non gli sia stata contestata la premeditazione. E' inoltre probabile che il giovane non si sia ancora reso conto della gravità del fatto commesso, altrimenti il Gip avrebbe potuto valutare un'alternativa al carcere.

 

 

franca di blasio gentiloni
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.