Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Accordo Comune-Interporto: all’Ise il maxi debito coi Leonetti ma gli investitori potranno pagare in 10 anni

03 / 11 / 2016

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Via libera della giunta comunale di Marcianise guidata dal sindaco Antonello Velardi al nuovo accordo transattivo tra il Comune e l’Interporto Sud Europa. Venti anni dopo il primo atto ufficiale, dunque, le parti rinnovano le intese sulla base di un accordo trovato tra l’amministratore delegato dell’Ise Antonio Campolattano e l’ex commissario prefettizio Antonio Reppucci. Sulla base del nuovo atto firmato dal notaio a Napoli, l’Interporto conferma che pagherà tutti i debiti relativi alle sentenze per gli espropri e verserà nelle casse dell’Ente anche i circa 7 milioni di euro derivanti dalla sentenza a favore della famiglia Leonetti di Marcianise, col pagamento del 40% entro il 31 dicembre 2016, un altro 40% entro il 31 dicembre 2017 e la restante parte entro la fine del 2018. Quello che convince di meno dell’accordo è invece il pagamento, da parte degli investitori, della monetizzazione delle areee per attrezzature e servizi pubblici non ceduti. Di fatto, si inizia a lavorare senza versare un euro ed i pagamenti saranno avviati quando sarà rilasciata l’ultima concessione da parte del Comune e, quindi, si avvierà il lavoro vero e proprio e sarà possibile pagare in 120 rate mensili (10 anni). Questo renderà meno floride le casse del Comune almeno per diversi anni, considerando che per i grandi investimenti, la realizzazione e l’apertura sono molto rallentate.

marcianise interporto accordo transattivo comune debiti monetizzazione
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it