Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Ai partiti 14 milioni di rimborsi elettorali, ai poliziotti stipendi bloccati da 4 anni. Tutto pronto per la marcia su Roma

04 / 09 / 2014

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


E’ stato confermato il blocco degli stipendi per l’anno 2015 dal Ministro della Pubblica Amministrazione Madia, il governo ha deciso di continuare il blocco contando su un risparmio annuo di 4-5 miliardi di euro. Mentre ne spende 11 per confermare gli 80 euro che non hanno avuto nessun effetto per le famiglie e la crescita del Pil. «E' inaccettabile un nuovo blocco - dichiara Alessandro Casertano Segretario Nazionale del PND, organizzazione extraparlamentare che si sta organizzando per chiedere lo sbocco degli stipendi- uomini e donne in divisa sono con stipendi da fame, non riescono ad arrivare a fine mese. Da oltre 4 anni abbiamo i nostri stipendi bloccati, siamo una delle pochissime democrazie al mondo, se non l’unica, in cui ad un servitore dello Stato, appartenente a qualsiasi categoria, sono imposte nuove e più gravose responsabilità e funzioni senza ricevere alcun tipo di compenso ma capitalizzando per contro una serie di penalizzazioni che proseguiranno anche oltre il pensionamento. Abbiamo già pagato un prezzo durissimo ed abbiamo visto ridursi il valore del salario reale di quasi 15 punti percentuali. Non stiamo chiedendo niente e non pretendiamo niente se non il sanare di un’ingiustizia che si perpetra da oltre 4 anni. Qui si mette a rischio l’incolumità dei cittadini. Se non ci sono fondi per tutti allora i Partiti rinunciassero ai Rimborsi elettorali del 2013 che con decreto del Presidente del Senato su G.U.n° 176 del 31/07/2014 che sono stati stanziati (circa 14 milioni di euro) e rimettiamoli in circolo per gli sblocchi delle retribuzioni. Il tempo delle chiacchiere è finito. Adesso basta è ora di scendere in piazza. Organizzato dal Partito Nazionale dei Diritti si terrà mercoledì 24 settembre alle ore 11:00 a Piazza Montecitorio a Roma una grande manifestazione in cui sarà espresso tutto il dissenso per l'ulteriore proroga del blocco. All’appuntamento prenderanno parte una delegazione del SAP, il Partito del Sud, gli iscritti delle pagine Facebook “Assegni di funzione e blocco Stipendiale Forze Armate” e  “Siamo Tutti Cretini” (oltre 30mila persone)».

italia protesta polizia stipendi rimborsi elettorali alessandro casertano
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it