Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CAMORRA E MUNNEZZA | Interdittiva antimafia alla Dhi, appalto a rischio in 11 comuni

14 / 12 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un' altro problema per la DHI, dopo i problemi giudiziari che hanno seguito l’arresto dell’amministratore delegato Alberto Di Nardi. Infatti, la società che si occupa della raccolta rifiuti in diversi comuni della provincia di Caserta, questa mattina è stata infatti notificata l’interdittiva antimafia della Prefettura ai danni della società che rischia di creare un nuovo caso amministrativo.

La DHi è al centro della tangentopoli della spazzatura in provincia di Caserta. Il provvedimento pare sia legato alla posizione dell'ex dirigente della società Antonio Scialdone, coinvolto in diverse inchieste con Alberto Di Nardi, e poi diventato egli stesso 'collaborante' della Procura di Santa Maria Capua Vetere. La società si occupa della raccolta rifiuti a Santa Maria Capua Vetere, San Nicola la Strada, Cesa, Frignano, Carinaro, Camigliano, Pontelatone, Roccaromana, Teverola, Bellona, Lusciano e San Tammaro.“

interdittiva antimafia dhi antonio scialdone alberto di nardi raccolta rifiuti
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.