Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CAMORRA E MUNNEZZA | Interdittiva antimafia alla Dhi, appalto a rischio in 11 comuni

14 / 12 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un' altro problema per la DHI, dopo i problemi giudiziari che hanno seguito l’arresto dell’amministratore delegato Alberto Di Nardi. Infatti, la società che si occupa della raccolta rifiuti in diversi comuni della provincia di Caserta, questa mattina è stata infatti notificata l’interdittiva antimafia della Prefettura ai danni della società che rischia di creare un nuovo caso amministrativo.

La DHi è al centro della tangentopoli della spazzatura in provincia di Caserta. Il provvedimento pare sia legato alla posizione dell'ex dirigente della società Antonio Scialdone, coinvolto in diverse inchieste con Alberto Di Nardi, e poi diventato egli stesso 'collaborante' della Procura di Santa Maria Capua Vetere. La società si occupa della raccolta rifiuti a Santa Maria Capua Vetere, San Nicola la Strada, Cesa, Frignano, Carinaro, Camigliano, Pontelatone, Roccaromana, Teverola, Bellona, Lusciano e San Tammaro.“

interdittiva antimafia dhi antonio scialdone alberto di nardi raccolta rifiuti
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it