Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

COMMOVENTE | In 4000 in piazza per salvare Alex. IL VIDEO

29 / 10 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Quando ce n'è stato bisogno, Caserta ha dimostrato di aver un gran cuore ed ha risposto in massa all’appello dei genitori del piccolo Alex Alessandro Maria, il bambino di appena 18 mesi che necessita di un trapianto urgente di midollo per sopravvivere. Sono state 3950 le persone, tutti ragazzi compresi tra i 18 ed i 35 anni, che hanno preso d’assalto il presidio organizzato da ADMO (Associazione donatori midollo osseo) e Rotaract Club sotto i porticati del Comune di Caserta dove è stato spostato per l’arrivo del maltempo.

E quando c'è stato bisogno di fare nuove fotocopie per i donatori, il sindaco del Capoluogo Carlo Marino ha subito permesso di aprire gli uffici comunali per risolvere velocemente il problema:"Sono orgoglioso di essere il sindaco di questa città e di questi ragazzi che hanno capito quanto sia importante aiutare il prossimo. Una gara di solidarietà straordinaria nella quale Caserta ha già vinto, ora tifiamo tutti per il piccolo Alex".

Alessandro Maria, il bambino napoletano nato a Londra da padre veronese e mamma partenopea, è costretto a lottare contro una rara e grave malattia genetica, la Linfoistiocitosi Emofagocitica, che rende necessario un trapianto di midollo perché sopravviva. Alex è attualmente curato con un farmaco sperimentale, che gli permetterebbe di sopravvivere non più di cinque settimane.

Da qui l'appello a chi è in possesso dei requisiti necessari a presentarsi nei luoghi in cui ospedali e l'Admo raccoglieranno tamponi salivari per il test. Paolo, il papà del bambino, ha aperto una pagina Facebook per lui e per diffondere l'appello. “Le cellule staminali possono essere donate con un semplice prelievo del sangue – scrive il genitore – con la stessa siringa che si usa quando si va a donare il sangue, ma con l'unica differenza che mentre i gruppi sanguigni sono 8, le combinazioni di midollo osseo sono miliardi e solo una procedura di laboratorio nota come tipizzazione tissutale ne può determinare la compatibilità”.

 

alessandro maria midollo caserta
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.