Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ANGELO GRILLO CONFESSA: "Ho fatto ammazzare io Passariello e Cortese. Mi rivolsi a Bruno Buttone"

01 / 12 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


"Sono stato il mandante di due omicidi. Oggi voglio dire tutta la verità. Feci un accordo con Salvatore Belforte e per ogni appalto fu stabilito che dovevo dare il 5 per cento al clan Mazzacane."

Il neo collaboratore Angelo Grillo spara a zero in aula contro politici e svela gravi fatti di sangue.

Un vero e proprio colpo di scena visto che nel corso dell’ultima udienza, nella quale aveva chiesto di essere ascoltato, Grillo non confessò così come si era paventato durante l’interrogatorio da parte del pubblico ministero della Dda Luigi Landolfi. Oggi, a poche settimane di distanza, il nuovo cambiamento e la confessione totale. Grillo, inoltre, è già stato condannato a trent'anni di carcere proprio per l'omicidio di Vincenzo Passariello, fratello del consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Luciano Passariello. L'omicidio servì per 'liberare' il campo da possibili competitor per un appalto delle pulizie all'Asl di Caserta.

Un’altra udienza da assoluto protagonista quella di oggi per l’imprenditore di Marcianise Angelo Grillo, detenuto in carcere da oltre due anni e già condannato per omicidio. Grillo, ha preso la parola in aula durante l’udienza del processo che lo vede sotto accusa per le presunte tangenti al Comune di Caserta, ha confessato di aver rapporti col capoclan dei Belforte, Salvatore, dal 1999 fino ad oggi e si è anche accusato di essere stato mandante dell'omicidio Passariello.

 

"Mi rivolsi a Bruno Bottone e gli chiesi che mi dovevano risolvere il problema per Cortese e Passariello e così li eliminarono. Erano dei miei concorrenti con i quali non andavo d'accordo". Il pentito non si è soffermato sui dettagli ma ha spiegato tantissimi retroscena sugli affari della famiglia Belforte. 

Sul periodo degli accordi, ha spiegato al pm Landolfi e al presidente Carotenuto: "Il periodo in cui cominciai a fare accordi con Salvatore Belforte fu il 1999 dopo il suo arresto. I rapporti sono continuati con Bottone, Piccolo e Trombetta".

marcianise buttone passariello cortese belforte
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it