Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

SI TEME IL PEGGIO | Carabiniere spara alla moglie e si barrica in casa con le due figlie. FOTO E VIDEO

28 / 02 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un appuntato dei carabinieri, Luigi Capasso di 44 anni, ha ferito gravemente la moglie, Antonietta Gargiulo di 39 anni, casertana, e si è barricato in casa con le figlie di 13 o 8 anni. E' accaduto questa mattina a Cisterna di Latina, quando l'appuntato al rientro dal servizio a Velletri ha esploso dei colpi con la pistola di ordinanza. La donna non è morta come comunicato in un primo momento.

La situazione è seguita dai carabinieri del comando provinciale di Latina, diretti dal colonnello Gabriele Vitagliano che si trova al residence "Collina dei Pini" dove si è consumato il litigio finito con gli spari. Inizialmente i militari avevano parlato di omicidio, mentre la donna è stata trasferita in gravissime condizioni al San Camillo di Roma.

Tensione intorno al residence, la via d'accesso alla palazzina è stata chiusa, i militari stanno cercando di convincere l'appuntato a consegnare le bambine e lasciare la pistola, quindi a uscire dall'appartamento. Secondo le prime informazioni la coppia si stava separando e questa mattina il militare sarebbe tornato a casa e avrebbe sparato alla donna dopo una violenta lite in strada.

La donna sarebbe stata colpita al petto e allo zigomo. Secondo le prime informazioni tra i due era in corso la separazione, una scelta mai accettata dal carabiniere che molto spesso litigava con la donna, specialmente nell'ultimo periodo. Stamattina presto, intorno alle 5, l'uomo avrebbe atteso la moglie davanti al garage di casa esplodendo alcuni colpi di pistola contro di lei, forse cinque in tutto.

Poco fa i carabinieri hanno fatto entrare una donna con un giubbotto antiproiettile, si tratta di una amica della moglie ferita che potrebbe convincere l'uomo a liberare le bambine arrendendosi. L'ingresso al palazzo è interdetto a chiunque e, per precauzione, è stato anche chiuso il gas. Sul posto è arrivato il magistrato di turno, Giuseppe Bontempo della Procura di Latina.

Arrivato anche il comandante provinciale dei carabinieri di Roma, generale Antonio De Vita. Nella zona di Collina dei Pini giunti anche artificieri e altri corpi speciali. Il magistrato Giuseppe Buontempo sta trattando insieme a dei negoziatori professionisti con l'uomo barricato in casa nel tentativo di farlo desistere. Il colonnello dei carabinieri Gabriele Vitagliano fermandosi con i giornalisti ha riferito di non conoscere il militare e sulla sorte delle figlie «temiamo per il peggio ma non possiamo dire altro».

In zona è arrivato e dopo un breve sorvolo a bassa quota è anche atterrato un elicottero dell'Arma, mentre un furgone con degli specialisti ha trasportato del materiale nei pressi della palazzina. I vicini di casa di Antonietta, che abitano sullo stesso pianerottolo, hanno riferito: «Non sentiamo più voci le voci delle bambine». La stessa circostanza è confermata in ambienti dei carabinieri. Intanto Capasso si è affaciato sul balcone di casa e ha parlato con alcuni specialisti che sono su quello a fianco

 

antonietta gargiulo luigi capasso
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.