Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Incredibile scoperta, ritrovato dopo 20 anni un bunker nella villa confiscata ad Antonio Abbate

16 / 08 / 2017

|

Antonio Bruno

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Erano intenti nella ristrutturazione della villa confiscata ad Antonio Abbate, killer della cosca Lubrano-Nuvoletta,  quando gli operai, intenti a ripavimentare una stanza, dietro un battiscopa, hanno notato l'ombra di un altro operaio che passava in un'altra camera e, hanno capito che ci poteva essere un'intercapedine. Così, a maggio scorso per puro caso, ma reso noto solo ora, è stato scoperto un altro bunker, profondo 3 metri e largo altrettanti, dopo quello rinvenuto già precedentemente al primo piano della struttura, nella villa del collaboratore di giustizia Antonio Abbate a Pignataro Maggiore, assegnata ora alla cooperativa sociale Apeiron. Una botola di ferro massiccio dà accesso al cunicolo trovato pieno di lapilli e polistirolo e cementato e, per svuotarlo ci sono voluti quasi due giorni. L'incredibile scoperta è stata documentata dal collega Raffaele Sardo di Repubblica e di cui pubblichiamo la foto. All'interno sono stati rinvenuti degli attacchi per una scala e dei fili elettrici. Da settembre la villa, intitolata a Franco Imposimato, che, ospiterà un centro di formazione professionale e un bed & breakfast per il turismo sostenibile.

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it