Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ARRESTATI | Erano il terrore degli automobilisti: rapinatori con la tecnica 'del bullone' incastrati dalle telecamere

09 / 10 / 2019

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Rapine con la tecnica 'del bullone', incastrati dalle telecamere | FOTO

Hanno messo a segno numerose rapine ai danni di automobilisti ultrasessantacinquenni grazie alla ‘tecnica del bullone’. Sono finiti in manette con l’accusa di rapine e furto di auto due persone di Arzano, di 50 e 52 anni, arrestato e condotti in carcere dai carabinieri della Stazione di Trentola Ducenta che hanno dato esecuzione all’ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Napoli all’esito dell’indagine coordinata dalla Procura di Napoli Nord.

I quattro colpi, due realizzati a Trentola Ducenta e gli altri tra Casaluce e Lusciano, sono stati eseguiti grazie alla cosiddetta ‘tecnica del bullone’: simulando la perdita di un bullone della ruota, avvicinavano il conducente dell’auto informandolo del fatto che pochi metri prima aveva perso il pezzo della vettura. Con questo trucco i due inducevano la vittima a scendere dal veicolo per verificarne le condizioni e, approfittando del fatto che in alcuni casi l’auto era ancora in moto, mettevano a segno il furto.

Ad incastrare i due rapinatori sono state le dettaglia denunce fornite dalle vittime e i filmati delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona in cui avvenivano i furti, che hanno ripreso i due mentre ‘scippavano’ l’auto al malcapitato proprietario.

Rapinati con la ‘tecnica del bullone’, due arresti

Rapinati con la ‘tecnica del bullone’, due arresti

L’inchiesta è scattata a seguito delle denunce presentate da alcuni automobilisti ultrasessantacinquenni, i quali lamentavano di aver subito il furto della propria auto e, in un caso, la rapina poiché la vittima era stat anche minacciata.

1-30-14

 



 



 

rapina auto trentola ducenta
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.