Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Arrestato padre di consigliere. L'opposizione vuole le dimissioni del figlio, sindaco al prefetto: «Manda gli 007 in Comune»

18 / 03 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


L'arresto dell'imprenditore di San Cipriano Raffaele Cilindro nell'ambito di un'inchiesta sul clan Zagaria, ha fatto scoppiare la polemica anche in consiglio comunale a Casapesenna, dove siede tra i banchi il figlio Sebastiano Cilindro. I consiglieri di opposizione di Casapesenna hanno chiesto ufficialmente le sue dimissioni dal Comune. «La vicenda segna un'altra brutta pagina del nostro territorio, chiediamo nel breve tempo possibile le dimissioni del consigliere Sebastiano Cilindro facente parte dell'amministrazione De Rosa. Dimissioni chieste - precisano i consiglieri - al fine di evitare sia momenti di imbarazzo tra l'intera amministrazione, visto che dall'insediamento di quest'ultima il sindaco Marcello De Rosa ha sventolato per lunghi tratti la bandiera di legalità, e sia per evitare ulteriori problemi alla maggioranza, viste le accuse molto gravi  a carico del padre del consigliere Cilindro. Inoltre vogliamo ricordare che lo stato di salute di un paese si misura con la dignità e la ragionevole serenità in cui vivono i cittadini e nelle aspirazioni promosse e non mortificate dei giovani. Da questo punto di vista l'amministrazione De Rosa ha fallito su tutta la linea». Il sindaco, da parte sua, non ha alcuna intenzione di mollare Cilindro ed ha inviato una lettera alla Prefettura di Caserta chiedendo l'invio della commissione d'accesso per la verifica degli atti fino ad oggi approvati dall'amministrazione comunale.

casapesenna sebastiano cilindro dimissioni arresto padre opposizione san cipriano
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.