Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Ato5, Zinzi ha tagliato gli stipendi a tutto il Cda: "Non prenderanno nulla"

17 / 09 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


“L’Ato5? Funzionerà a costo zero. Così come prevede lo Statuto, infatti, i componenti del Consiglio di Amministrazione di questo organismo non percepiranno nemmeno un euro. Tutto ciò, contrariamente a quanto dice qualcuno poco informato, è perfettamente in linea con quello che prescrivono i recenti provvedimenti del Governo in materia di spending review. Non mi sembra che l’Ato2, nel quale l’azionista di maggioranza è il Comune di Napoli, rispetti questi parametri di contenimento dei costi”. A dichiararlo è stato il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi, che ha voluto precisare alcuni aspetti del funzionamento dell’Ato5 (Ambito territoriale ottimale) che si inserisce nel Ciclo integrato delle acque.  “L’Ato5 -  ha proseguito Zinzi – non solo non comporta spese aggiuntive a carico dei cittadini ma è estremamente utile per l’intero territorio. Il ritardo di ben 5 anni nella sua costituzione, avvenuto a causa della colpevole assenza sulla questione da parte delle Amministrazioni che mi hanno preceduto, ha provocato notevoli danni, come, ad esempio, la mancata possibilità di avere a disposizione fondi regionali necessari al ciclo integrato delle acque (realizzazione delle reti fognarie, di collettori, di depuratori). Per riuscire a fare tutto ciò, infatti, è fondamentale la presenza di un Ato che abbia tali funzioni esclusivamente per i Comuni di Terra di Lavoro. L’accorpamento a Napoli per tutti questi anni ha portato la provincia di Caserta a vivere una condizione di marginalità. Un fatto, questo, che si verifica ogni volta che Napoli riesce a mettere le mani sul territorio casertano”.
Caserta Politica Casal di Principe San Cipriano d`Aversa San Cipriano d`Aversa Piedimonte Matese
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.