Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Oliviero e Caputo studiano il piano per soffiare l'Ato con un 'nome nuovo'. E Velardi vola a Madrid

14 / 02 / 2017

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Antonello Velardi si è preso un paio di giorni di ‘riposo’ dal Comune di Marcianise ed è volato nella tarda mattinata alla volta di Madrid per seguire dal vivo la partita del Napoli in Champions League contro il Real, non mancando di postare le foto dell’aereo sul quale ha viaggiato insieme al patron della società azzurra Aurelio De Laurentiis. Ma proprio durante la sua assenza, nel Partito democratico c’è chi sta lavorando ancora per soffiargli la presidenza all’Ato Rifiuti che gli dovrebbe spettare in base agli accordi presi dal commissario provinciale Pd Franco Mirabelli coi consiglieri regionali Luigi Bosco di Campania Libera e Giovanni Zannini dei Moderati. Il problema, però, è che il Partito democratico non è per nulla unito. Anzi, il consigliere regionale Gennaro Oliviero e l’europarlamentare Nicola Caputo stanno cercando in tutti i modi di far saltare un accordo che, di fatto, vedrebbe i loro gruppi completamente esclusi dalle presidenze (all’Idrico è stato designato Mirra in quota Bosco ed alla presidenza della Provincia Carlo Marino). L’idea, come raccontiamo da qualche giorno, è quella di chiudere un accordo col centrodestra per lavorare ad un presidente alternativo. Ma la novità delle ultime ore è quella di non presentare la candidatura di Emiddio Cimmino di San Tammaro, bensì quella di Gabriele Cicala di San Marco Evangelista. Un cambio di nome importante perché se i due candidati dovessero arrivare a pari voti (i delegati sono 18) ad avere la meglio sarebbe il più giovane (quindi Cicala rispetto a Velardi). Le trattative, comunque, continuano

ato rifiuti partito democratico antonello velardi real madrid napoli gabriele cicala san marco
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.