Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

TRUFFA ALLE ASSICURAZIONI | Tre pentiti del 'Clan dei Casalesi' a svelare l' esistenza di un' organizzazione

16 / 01 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Attilio Pellegrino, Fabrizio Cannavacciuolo e Salvatore Caterino, sono le 'voci di dentro' che hanno permesso di far luce sul giro di finti incidenti per ottenere i risarcimenti dalle assicurazioni che hanno portato all'emissione di venti ordinanze a carico di altrettanti indagati, tra cui avvocati e periti (LEGGI QUI). Sono stati loro, tre pentiti del clan dei Casalesi di Michele Zagaria, a raccontare ai magistrati l'esistenza di una vera e propria associazione a delinquere specializzata in falsi incidenti.

Le indagini, portate avanti anche con le intercettazioni, hanno poi permesso di raccogliere numerosi indizi circa l’esistenza di un sodalizio criminale, attivo da anni soprattutto nei comuni di San Marcellino, Villa di Briano e territori limitrofi, con base logistica in un locale di proprietà di una persona ritenuta a capo dell’organizzazione.

Il locale, l’agenzia ‘Temperato’ di San Marcellino era sede di un’agenzia infortunistica stradale e di un’impresa di soccorso stradale abusivo. In tale contesto venivano sistematicamente ideati sinistri stradali del tutto inesistenti e concertati unicamente a tavolino.  Le truffe avevano come protagonisti quasi sempre le stesse persone, molte delle quali legate da legami di parentela con i vertici dell' organizzazione, utilizzate di volta in volta con diversi ruoli.

 

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.