Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Sedici case al posto di un manufatto per prodotti agricoli, condannato l'ex assessore Barbato

10 / 12 / 2015

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Si è concluso con una sola condanna il processo per gli abusi edilizi realizzati in un fabbricato di via Cristoforo Colombo a Melito che vedeva coinvolti imprenditori e tecnici di Aversa. Due indagati furono prosciolti in fase di udienza preliminare, mentre altri 4 furono rinviati a giudizio. Due hanno scelto l'abbreviato ottenendo l'assoluzione: Gennaro Pirolo di Aversa, socio amministratore della Pirolo Srl ed Amedeo Della Corte di Melito, socio della Pirolo srl titolare della concessione edilizia. Il processo è andato invece avanti per Elia Barbato, ex assessore del Comune di Aversa ed anche ex consigliere provinciale, che è stato condannato a 6 mesi di reclusione per abuso d'ufficio accusato di aver rilasciato permessi a costruire in sanatoria in contrasto con la normativa vigente (era responsabile del Comune di Melito). Assolti invece Fulvio Guarino di Giugliano (il tecnico che aveva predisposto gli atti relativi ai certificati di idoneità statica, relazioni tecniche e grafici inerenti il fabbricato oggetto del condono); Franco Petito di Aversa (firmatario delle false dichiarazioni allegate alle istanze di condono); Fiorenzo Sarnella (il tecnico firmatario delle certificazioni di idoneità statica e relazioni tecniche relative all’istanza di condono dell’immobile di via Colombo). I fatti risalgono tra il 2002 ed il 2003 fino al 2009. I soggetti coinvolti erano accusati di aver costruito un manufatto in via Colombo in difformità della concessione edilizia rilasciata che prevedeva la costruzione di un manufatto per la trasformazione di prodotti agricoli. Ed invece era stata costruita una palazzina di tre piani per civile abitazioni composta da 16 appartamenti e relativi box auto.

aversa elia barbato condannato melito ex assessore forza italia
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.