Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Crollo ad Aversa. I 5 Stelle denunciano: “Troppi lavori edili al dipartimento”

30 / 10 / 2015

|

Valentina Martinisi

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


In riferimento alla morte dell’operaio avvenuta giovedì ad Aversa, a causa del crollo del solaio della facoltà di ingegneria, il Meetup 5 Stelle della città esprime il suo cordoglio per la scomparsa di Luciano Palestra, ennesima vittima del lavoro. Il Movimento chiede che venga fatta chiarezza sulla vicenda e che si indaghi sulle responsabilità, anche pregresse, di questa sciagura. I 5 Stelle pongono l’attenzione su tutte le opere edili compiute presso il dipartimento della Sun negli ultimi anni. In questo momento l’ex giardino del dipartimento di ingegneria è occupato da un edificio in costruzione, ricavato dall’abbattimento di un corpo che era lì precedentemente, aumentandone però in maniera significativa il volume, tanto da alterare completamente la cortina stradale su via Torretta. Il dipartimento, denunciano i 5 stelle, non è nuovo ad operazioni del genere, infatti anni indietro, da pochi ruderi fece nascere un nuovo corpo che stravolse significativamente il rapporto tra pieni e vuoti dell’antico complesso dell’Annunziata. Il Meetup 5 Stelle di Aversa chiede, a chi è preposto per legge, di accertare la legittimità edilizia del nuovo edificio in costruzione e le responsabilità del Comune di Aversa e della Soprintendenza di Caserta per i dovuti controlli sulla liceità, non solo delle opere di nuova costruzione, ma anche sui lavori di ristrutturazione e adattamenti attuali e pregressi. Per concludere il Meetup chiede, se come è stato detto, gli ambienti interessati dal crollo sono stati sede dei corsi per la formazione dei coordinatori della sicurezza sui luoghi di lavoro, le dimissioni dell’attuale direttore del dipartimento di ingegneria e le scuse pubbliche del precedente.

aversa crollo universita meetup 5 stelle troppi lavori
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.