Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Parità tra l'Aversa Normanna e la Cavese (0-0)

22 / 01 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Aria di derby al Bisceglia per la sfida più affascinante della terza giornata di ritorno del girone I di serie D. Ad Aversa arriva la Cavese, lanciata in chiave play off e alla ricerca di punti pesanti. L’Aversa molto più in basso in classifica ha altresì bisogno dei tre punti per allontanarsi dalla zona play out. Cavese che al Bisceglia è priva del sostegno dei suoi tifosi, ai quali è stata vietata la trasferta. Il match è equilibrato e lo 0-0 è il risultato più giusto, nonostante dalla mezz’ora del primo tempo l’Aversa sia rimasta in 10 uomini.

LA GARA. Mister Chianese è in situazione di emergenza assoluta a causa dell'infermeria che stenta a svuotarsi. Oltre a Scalzone che non ha ancora recuperato dall'infortunio muscolare, si aggiungono le imperfette condizioni di Laringe e Di Prisco, che saltano precauzionalmente il derby con la Cavese. A questi si devono aggiungere gli squalificati Sozio, Cretella, Coulibaly, Marzano, Del Prete e Guillari. Il tecnico granata ha gli undici contati difatti ha convocato anche alcuni giovani del settore giovanile per completare la panchina. In porta c’è Lombardo, con Ciocia, Gambardella, Guastamacchia e Terracciano davanti a lui. Nappo, Cigliano e Trofo in mediana. Di punta Mariani, Esposito e Ramaglia. Per Longo invece quasi formazione tipo con Migliaccio a guidare la difesa metelliana, Celiento e Ciarcià alle spalle dell’esperto Giglio.

Prima della gara ancora proteste e striscioni da parte del pubblico di casa nei confronti dell’Amministrazione De Cristofaro, rea di ostacolare in tutti i modi la gestione Spezzaferri, il quale in settimana ha preannunciato una possibile (e non auspicabile) rinuncia al campionato. Avvio sprint dell’Aversa che trova la prima conclusione al 3’ con Esposito. La Cavese reagisce bene e al 9’ si lamenta per un gol annullato a Gabrielloni. L’offside sembrava essere netto. La Normanna inizia a innervosirsi un po' e nello spazio di 5’ prendono il giallo Nappo e Trofo. La Cavese si rende più pericolosa e al 26’ va ancora alla conclusione con Gabrielloni, Lombardo blocca. Arriva subito la risposta dei padroni di casa con Esposito. Conclusione bloccata da Conti. Al 32’ colpo di scena, l’Aversa resta in dieci. Trofo, già ammonito, commette un fallo ingenuo a metà campo e si fa espellere da direttore di gara. Dopo l’espulsione la Normanna si dispone in maniera più prudente e riesce a contenere le poche e confuse avanzate metelliane. Dopo 3’ di recupero termina la prima frazione di gara sul punteggio di 0-0.

Nella ripresa squadre in campo on gli stessi effettivi. Dopo 9’ Chianese getta nella mischia Cassetta al posto di un buon Mariani, oggi all’esordio. Risponde Longo inserendo, al posto di uno spento Celiento, Meloni lasciando immutato lo schieramento tattico. La Cavese fatica produrre gioco, mentre la Normanna si affida alle iniziative di un Esposito, molto in palla. Prima conclusione degna di nota degli ospiti al 64’ con una bella combinazione che porta al tiro Ciarcià, Lombardo è ancora reattivo a bloccare la sfera. Al 65’ Rossi subentra in luogo di Uliano per la Cavese. Al 72’ tenta il tutto per tutto Longo con Bellante al posto di Gabrielloni. Gli aquilotti tra il 77’ e l’80’ sprecano il possibile vantaggio. Prima Ciarcià calcia alto una punizione dal limite dell’area, poi è Meloni che innescato da un retropassaggio di Guastamacchia calcia alle stelle dal dischetto del rigore. All’88’ sfiora il colpaccio ancora la Cavese con una conclusione a porta spalancata di Rossi, palla fuori di un soffio. All’89’ Terracciano lascia il campo per infortunio, entra Riccardi. Nel recupero esce Cassetta entrato solo nella ripresa e entra Venditti a dare più forza alla mediana. Ultimo brivido al 94’ ancora con Rossi. Il tacco volante dell’esterno termina sul fondo.

L’Aversa Normanna ottiene ancora un pari. Stavolta gran carattere per gli uomini di Chianese che hanno giocato contro i più quotati avversari per più di un’ora. Applausi del pubblico di casa per la squadra di Spezzaferri che tra mille difficoltà riesce se non altro a mantenere alta la dignità e l’agonismo in campo.

AVERSA NORMANNA. Lombardo, Ciocia, Guastamacchia, Terracciano (89’ Ricciardi), Gambardella, Nappo, Cigliano, Trofo, Esposito, Mariani (54’ Cassetta sostituito al 92’ da Venditti), Ramaglia. PANCHINA. Maraolo, Mangiapia, Riccardi, Russo, Rossi, Canneva, Buono. All. Chianese.

  1. Conti, Padovano, Galullo, Migliaccio, Loreto, Celiento (56’ Meloni), Alleruzzo, Uliano (65’ Rossi), Gabrielloni (72’ Bellante), Ciarcià, Giglio. PANCHINA. D’Amico, Parenti, Armenise, Golia, Riccio, Greco. All. Longo.

Arbitro: Antonio Scordo di Novara; Assistenti: Eustachio Capolupo di Matera e Francesco Laganà di Carrara.

  1. Espulso Trofo (Aversa Normanna) per doppia ammonizione. Ammoniti: Nappo per l’Aversa Normanna; Migliaccio per la Cavese. Angoli: 9 a 3 per la Cavese. Recupero: 3’ nel primo tempo; 6’ nel secondo tempo.    (Antonio di Bello)

 

 

aversa sport calcio normanna parita cavese
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.