Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

ESCORT SU BAKEKAINCONTRI, intercettati anche i clienti. Ecco cosa dicevano Ornella e la Escort

25 / 10 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


"Qui pagano bene". Sono stati intercettati anche alcuni clienti nell'ambito dell'attività di indagine che ha portato al sequestro di tre case a luci rosse (a Caserta, San Nicola e Casagiove) e all'arresto di due persone (la casoriana Antonietta Zuppa e il capuano Luigi Romano). Nell'ambito dell'inchiesta, seguita dai carabinieri della stazione di Casagiove, il 25 gennaio c'è una conversazione tra una ragazza colombiana, E. e una certa Ornella che sarà poi identificata in Antonietta Zuppa. La sudamericana chiede la disponibilità di fittare a donne o trans per svolgere l'attività di meretricio
Dal dialogo emerge il ruolo di Zuppa che per il gip "favorisce e sfrutta l'esercizio della prostituzione"


O (Ornella - Antonietta Zuppa)
E (escort colombiana)

E: Si come tu mi ha detto, l'altra settimana che mi chiamava lunedì mattina per farmi sapere

O: si però ti ho spiegato che mi stanno rispettando le prenotazioni quindi non finchè nessuno viene meno che mi fa un buco, non posso, non riesc. Però io ti avevo chiamata per dirti che io sto organizzando di farti entrare a Caserta, a San Nicola, dove tu vuoi andare il posto è molto buono

E: San Nicola?

O: Eh! Caserta...San Nicola, dove io ti ho parlato che lì

E: Ah, si, si, ho capito

O: Lì il posto buono, buono, perchè lì solo le trans vanno. Lo conosco ormai da due anni che è conosciuto. Quindi io sto organizzando per farti però te lo dico più sotto sotto. O per la prima o per la seconda settimana di marzo per quindici giorni, quindi io ho cominciato a dirtelo, in modo che tu ti organizzi se ti va bene

E: Ok! Marzo?

O: Sì o la prima o la seconda settimana potresti entrare e ti ho affittato per quindici giorni però siccome là io come ti dicevo ci sta una trans che mi gestisce tutte le amiche. Quindi ho detto dammi un posto che ho una amica che deve venire assolutamente. Lei mi ha detto: Ornella io ti faccio sapere se la prima o la seconda settimana di marzo

E: Va bene

O: Va bene? Andrebbe bene per te?

E: Va bene in questo momento che posso dire di sì però magari se più avanti posso dire no, perchè non ne sono sicura perchè io penso che a febbraio vado a casa in Colombia. Allora non lo so capito.

O: Allora diciamo che se tu non te ne vai tu me lo dici in modo che io

E: Io te lo dico molto prima

O: Esatto, esatto. Senti come va lì? Come va il posto? Ti trovi bene?

E: No guarda, diciamo. Il posto è buonissimo perchè non è che guarda che ti danno ottanta, cento a cliente te lo dà subito. Non è che dice no è troppo, no ti dò quaranta, no queste cose qua non parlano proprio. Qui è buono in quel senso però si sta lavorando molto piano. Magari due tre quattro clienti al giorno lavora benissimo, perchè tutti pagano bene. Capito

O: Ho capito, la clientela è superiore

E: Si qui però posso stare solo per questa settimana e basta.

Dalle intercettazioni captate quella giornata gli investigatori capiscono che la colombiana deve andare in un "posto buono" e che frequenta "clienti" per attività non precisate. Dai servizi di monitoraggio i carabinieri hanno notato che spesso a frequentare le giovani, molte delle quali sudamericani, erano uomini facoltosi. Quasi tutti tra i 30 e i 50 anni, con lavori qualificati, provenienti anche dal Napoletano. Insospettabili che si concedevano un'ora di svago. Dai 100 euro in su. 

 

antonietta zuppa luigi romano
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it