Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Blitz nei cantieri, decine di lavoratori `a nero` ed a rischio sui ponteggi

13 / 06 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Operazione “Mattone Sicuro”, così è stata denominata l’attività condotta dai Carabinieri della Compagnia di Piedimonte Matese e del Nucleo Ispettorato del Lavoro, finalizzata in particolare a tutelare la sicurezza sui luoghi di lavoro e la regolarità occupazionale. Nel corso dei controlli, sono state passate ancora una volta al setaccio varie località del comprensorio matesino, e a Piedimonte Matese, con i militari della locale Stazione è scattato il primo blitz che ha portato al sequestro di un cantiere edile esteso su una superfice di circa 500 mq, e del valore economico complessivo di circa centocinquantamila euro, relativo ad alcuni lavori di ristrutturazione di una palazzina. Sul posto è stata riscontrata la presenza di lavoratori in nero, cioè non regolarizzati in misura superiore al 20% dei dipendenti della ditta. Sono state inoltre accertate una serie di violazioni alle norme in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro, quali mancanza di parapetto e tavole fermapiede con grave pericolo per l’incolumità dei lavoratori, così come pericolose aperture erano state lasciate nei solai sui vari livelli, che non venivano circondate da parapetti e tavola fermapiede, con imminente pericolo di caduta nel vuoto, mancanza di idonee misure antincendio, mancanza assoluta dei dispositivi di protezione individuale, mancanza di adeguate misure di sicurezza per le impalcature e ponteggi. Per questi motivi oltre alle previste sanzioni amministrative, nei confronti del legale rappresentante della impresa edile, è scattata una denuncia alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.
Cronaca Piedimonte Matese Casal di Principe Pignataro Maggiore Pignataro Maggiore paintball
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.