Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Blitz della Polizia, sequestrato palazzo dei Belforte a Caserta

17 / 07 / 2017

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Per errore della redazione, è stata utilizzata per articolo sotto riportato, una foto di repertorio di case di Centurano, rettifichiamo e chiariamo che la casa delle foto non riguarda il sequestro effettuato e non appartiene al clan Belforte. 

 

Nella mattinata odierna, personale della Squadra Mobile della Questura di Caserta ha dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo d'urgenza di un immobile sito in Caserta, frazione Centurano, con accesso da via Chiesa n. 1, denominato Casa Civile 1886, composto da un piano terra e da un primo piano con cortili pertinenziali, del valore complessivo di circa 500.000,00 euro, emesso da questa Direzione Distrettuale Antimafia, nell'ambito del procedimento penale in cui sono indagati due soggetti (Belforte Camillo e Francescone Biagio) per i delitti pp. e pp. dagli artt. 629 c.p. e 12 quinquies I. 356/92, avendo commesso il fatto con l'obiettivo di favorire l'organizzazione camorristica denominata "clan Belforte". Il provvedimento cautelare reale compendia le recentissime attività investigative condotte all'indirizzo del predetto clan. Dalle indagini, realizzate con l'ausilio di intercettazioni, è emersa l'operatività della compagine criminale nell'imposizione di ratei usurario-estorsivi ai danni di imprenditori di Marcianise. Esse hanno preso le mosse dall'attività di monitoraggio svolta sul territorio, attraverso le quali sono state documentate le condotte usurarie poste in essere dagli indagati, chiaramente esercitate con [impiego di capitali provento delle attività delittuose. accumulati negli anni dal gruppo criminale, nei confronti di un imprenditore edile, costretto a cedere l'immobile oggetto di sequestro, per far fronte a pagamenti non dovuti ma imposti dal gruppo criminale. Agli indagati è stata contestata anche l'aggravante dell'art. 7 1. 203/91, in quanto la decisione della vittima di assecondare la richiesta estorsiva era scaturita dalla condizione di assoggettamento omertoso derivante dalla capacità di intimidazione esercitata dall'organira7ione camorristica denominata "clan Belforte", di cui si facevano portavoce. Il provvedimento di sequestro preventivo costituisce lo sviluppo e l'approfondimento di altre investigazioni che questa Direzione Distrettuale Antimafia sta conducendo nei confronti del "clan Belforte", allo scopo di individuare i beni mobili ed immobili, fittiziamente intestati a terzi, facenti parte del patrimonio illecitamente costituito da BELFORTE Camillo, attualmente detenuto, con il denaro provento delle attività criminali del padre Domenico, capo indiscusso della compagine camorristica.

palazzo belforte caserta
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it