Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Boom della differenziata, aumento del 40% dal 2000

22 / 05 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


La raccolta differenziata copre in media circa un terzo dei rifiuti urbani, il 33,6%, una quota in crescita ma con rilevanti differenze tra Nord e Sud. Al 31 dicembre 2010 il servizio è presente in tutti i capoluoghi, con percentuali di raccolta superiori al 40% al Nord, del 28% al Centro, del 21,3% al Sud e del 15% nelle Isole. Lo rileva il Rapporto Annuale 2012 dell'Istat. Tuttavia, i Comuni che hanno ottenuto i miglioramenti più consistenti sono collocati quasi tutti nel Mezzogiorno, come Caserta, Teramo, Lanusei, Sanluri, Tempio Pausania e Villacidro che incrementano di oltre 40 punti percentuali le quote di raccolta differenziata rispetto al 2000. Nelle regioni che attualmente sperimentano una fase critica nella gestione del ciclo dei rifiuti, tra i capoluoghi del Lazio l'incremento della quota di raccolta differenziata è di 16 punti percentuali a Roma e di 26 a Latina, mentre nei rimanenti capoluoghi i progressi sono più contenuti. Tra le città che hanno ridotto la quantità complessiva dei rifiuti prodotti incrementando al contempo la raccolta differenziata sono da citare Salerno, Avellino, Benevento, molti capoluoghi della Sardegna, Pordenone e Belluno.
Caserta Salute Sport Casal di Principe Casal di Principe camorra
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.