Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Boss morto in carcere, il figlio: "Per me potrebbe essere stato ucciso"

15 / 10 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


'Mio padre ha trascorso 20 anni in carcere di cui 11 col regime del 41 bis. Non aveva motivo di suicidarsi proprio ora che poteva sperare in qualche beneficio. Anzi per me potrebbe essere stato ucciso. E' stata aperta un'inchiesta che non e' stata archiviata. Dire che si e' suicidato e' quantomeno un anticipazione del risultato investigativo che ancora non c'e'''. Lo dice Nicolo' Ribisi, figlio del bosso Pietro, 61 anni (e non 53 come scritto in precedenza) condannato all'ergastolo per l'omicidio del giudice Antonino Saetta e del figlio Stefano, trovato morto giovedi' scorso nella sua cella del carcere di Carinola. Nicolo' Ribisi lamenta il fatto che il prete di Palma di Montechiaro (Ag) non voglia celebrare il normale funerale in chiesa perche' l'uomo si sarebbe suicidato. ''Mio padre - aggiunge - non stava bene. Non riusciva a dormire. L'ho visto martedi' scorso. Avevamo chiesto di farlo trasferire in un penitenziario con annesso ospedale ma giovedi' e' morto. Il pm ha sequestrato la cella e tutti gli effetti personali di mio padre. Dicono che si e' impiccato. Ma ho visto il suo collo dopo che ci hanno riconsegnato la salma: ha un segno che va verso il basso non verso l'alto. E ha le dita della mano sinistra nere come se avesse tentato di impedire che lo strangolassero''.
Caserta Cronaca Carinola Aversa Aversa Camigliano
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.