Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Camorra a Caserta, Marcianise e Maddaloni: 37 condanne. Ci sono gli 'eredi' del boss

06 / 02 / 2015

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ventisei condanne per associazione camorristica e, per alcuni indagati, anche per estorsione. E' questa la sentenza della Corte d'Appello a carico della frangia del clan Belforte di Marcianise che comandava a Caserta città ed anche nell'hinterland, tra San Nicola la Strada, Maddaloni e Capodrise. Tra i nomi spiccano quelli di Concetta Buonocore e Fulvio Della Ventura, rispettivamente moglie e figlio del boss Antonio detto 'o Cunigl, che sono stati condannati a 9 anni e 4 mesi e 18 anni. Mano pesante anche per Francesco Correra (14 anni) e Vincenzo Mataluna (12 anni e 8 mesi).

TUTTE LE CONDANNE

Giovanni Anziano 12 anni

Aniello Bruno 9 anni e 4 mesi

Concetta Buonocore 9 anni e 4 mesi

Michele Caliendo 4 anni e 4 mesi

Rosa Caserta 10 anni ed 8 mesi

Francesco Correra 14 anni

Giovanni Daniele 4 anni 3 4 mesi

Fulvio Della Ventura 18 anni

Mauro De Prezzo 8 anni e 8 mesi

Agostino De Rosa 11 anni e 4 mesi

Giuseppe Desiato 10 anni

Angelo Francesco Eligio Feola 13 anni

Michele Fiorillo 11 anni e 4 mesi

Pasquale Magliocca 11 anni

Giovanni Maiello 9 anni e 4 mesi

Vincenzo Mataluna 12 anni e 8 mesi

Mario Palladino 12 anni e 8 mesi

Salvatore Palmieri 10 anni

Carlo Picillo 10 anni

Giovanni Principio 9 anni e 4 mesi

Armando Santonicola 8 anni

Gerardo Santoro 11 anni e 4 mesi

Marco Secondo 5 anni

Antonio Tartaglione 11 anni e 4 mesi

Lorenzo Valentino 11 anni e 4 mesi

Luigi Verde 9 anni 

Michele Cioffi 10 anni

Antonio Bruno 20 anni

Pasquale Bruno 9 anni e 4 mesi

Franco Cortese 6 anni e 8 mesi

Anna Di Lucca 8 anni e 8 mesi

Domenico Fiorillo 12 anni e 8 mesi

Francesco Grillo 4 anni

Pasquale Mandato 6 anni

Carlo Petrillo 8 anni e 8 mesi

Gaetano Piccolo 20 anni

Gaetano Solla 4 anni

caserta marciansie camorra maddaloni condanne della ventura
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.