Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Camorra e carburanti. Rinvio a giudizio per Nicola Cosentino e i 2 fratelli

25 / 02 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


I fratelli Antonio e Giovanni Cosentino, insieme all’ex sottosegretario all'Economia Nicola Cosentino, sono stati rinviati a giudizio per l’inchiesta sul monopolio della distribuzione di carburante che, secondo l’accusa, sarebbe fondata sull’appoggio del clan dei Casalesi i pezzi ‘deviati’ delle istituzioni. A deciderlo il giudice Terzi del tribunale di Napoli, che ha rinviato a giudizio anche l’ex prefetto di Caserta ed ex parlamentare del Pdl Maria Elena Stasi. La stessa richiesta è stata accolta anche per Michele Sagliocchi, Pasquale e Antonio Zagaria. Gli ultimi due, fratelli del boss dei Casalesi Michele, sono già detenuti. Rinvio a giudizio anche per Luigi Letizia, funzionario della Regione Campania; Vincenzo Schiavone, Giacomo Letizia e Vincenzo Falconetti, funzionari dell'ufficio tecnico del Comune di Casal di Principe; Giovanni Adamiano e Bruno Sorrentino, dipendenti della Kuwait Petroleum Italia; Enrico Reccia, coinvolto nell'inchiesta in relazione a un tentativo che sarebbe stato messo in atto da Giovanni Cosentino per screditare un concorrente in affari della propria famiglia, Luigi Gallo. Quest’ultimo si è costituto parte civile nel processo che si terrà il 9 aprile prossimo.

casal di principe nicola cosentino carburanti rinvio a giudizio processo camorra
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.