Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Telefonate e incontri tra Graziano-Zagaria. L'ex deputato a Roma per i finanziamenti

27 / 04 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Non solo il dialogo intercettato nell'automobile del sindaco di Santa Maria Capua Vetere, in cui l'imprenditore di Casapesenna Alessandro Zagaria confermava il proprio sostegno al candidato indicato da Biagio Di Muro. Alla base dell'indagine sul consigliere regionale Stefano Graziano ci sono anche dei contatti diretti telefonici tra l'esponente del Partito democratico ed il figlio del proprietario del Tempio di Casapesenna, indicato dai pentiti come "affiliato" del clan Michele Zagaria. Su questo si sono mossi gli investigatori della Dda che martedì all'alba hanno fatto scattare le perquisizioni negli uffici della Regione Campania e nelle abitazioni del consigliere regionale a Teverola e Roma, portando via i computer e documenti sui quali adesso si cercheranno conferme dei contatti esistenti. Dai quali emergerebbe, secondo fondi investigative, "la riconoscenza dell'esponente politico nei confronti di Zagaria". Addirittura gli inquirenti avrebbero pedinato in periodo pre-elettorale Graziano e Zagaria, documentando più incontri tra i due prima delle elezioni. Ed è per questo, secondo l'ipotesi accusatoria, che Graziano si sarebbe recato a Roma per sbloccare la vicenda di Palazzo Teti a Santa Maria Capua Vetere per il cui restauro sarebbe stata pagata una tangente di 70mila euro al sindaco Di Muro ed al dirigente Roberto Di Tommaso.

aversa stefano graziano indagato telefonate alessandro zagaria biagio di muro
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.