Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CAMORRA Fava aveva paura che il fratello gli rubasse la droga. Il racconto del pentito

09 / 02 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ha provato a lavorare onestamente, ma poi, giunto sull'orlo della disperazione, ha deciso di accettare la proposta del capo del gruppo criminale dedito allo spaccio di droga per poter vivere. E' questa la storia che ha raccontato agli inquirenti Ananie Nedelcu, poi divenuto collaboratore di giustizia dopo lo smantellamento del gruppo di Fava a Santa Maria Capua Vetere. Parlando con gli inquirenti (le sue dichiarazioni sono contenute nell'ordinanza dei 42 arresti di lunedì mattina), ha affermato: "Armando (Fava, ndr) vendeva la droga al prezzo di 50 euro alla bustina che conteneva mezzo grammo di cocaina. Sono a conoscenza di ciò perché quando venivano predisposte le bustine contenente la sostanza ero presente. Preciso che era Pasquale Fava a richiedere la mia presenza al momento del confezionamento delle dosi, al fine di controllare che il fratello Armando e gli altri non si appropriassero di parte della sostanza. Ho assistito in quattro occasioni a tele confezionamento, una prima volta a casa di Mario Mastroianni, dove oltre me e Mario era presente Gabriele Formisano. La droga veniva portata lì da Ninnoe. La seconda volta ci trovavamo a casa di Gabriele Formisano dove erano presenti Armando Fava e Mario Mastroianni. Anche la terza volta questo confezionamento è avvenuto a casa di Gabriele Formisano. Preciso che Ninnone portava la cocaina in una busta che poteva essere polvere e pietre insieme. La quarta volta mi sono incontrato a casa di Cristian De Luca e in quella occasione eravamo solo io e lui. Abbiamo cominciato tale confezionamento nel novembre/dicembre 2012, con una cadenza di ogni due settimane, fino a febbraio 2013, quando poi sono stato arrestato. Era Pasquale Fava che dava disposizioni circa i tempi e le modalità di confezionamento della cocaina, impartendo le predette indistintamente a me oppure a Ninnone e decideva Pasquale l’abitazione presso la quale avveniva questo confezionamento".  

santa maria capua vetere droga fava pentito spaccio cocaina
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.