Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Caos sanità, Oliviero accusa la Regione: ‘Napoli incassa gli utili di Caserta per ripianare i debiti’

07 / 11 / 2014

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il capogruppo regionale del PSE, Gennaro Oliviero, all’indomani della pubblicazione del Decreto 140, a firma della Struttura Commissariale relativo alla destinazione degli utili degli esercizi finanziari 2012-2013 prodotti dalle Asl campane per coprire le perdite delle Asl Na1 e l’Ospedale di Salerno, ha rilasciato dichiarazioni di fuoco contro il centrodestra alla guida della Regione: “Ingiustizia è fatta ai danni del diritto alla salute dei cittadini della Provincia di Caserta, Caldoro e il centrodestra campano ripianano i debiti del pozzo senza fondo dell’ASL Na1 e dell’Ospedale di Salerno prelevando l’attivo dell’Asl di Caserta, relativo agli utili del 2012 e 2013, e dei due Policlinici Universitari colpevoli solo di attuare una gestione rispettosa e oculata con gli obiettivi prefissati dal famigerato piano di rientro sanitario. Che tristezza, gli oltre ventisette milioni di euro dell’Asl di Caserta potevano e dovevano essere utilizzati per migliorare e implementare l’assistenza sanitaria in Terra di Lavoro, se pensiamo al dramma quotidiano che vive il mondo della riabilitazione, le maglie strette dei limiti di spesa delle cliniche private che puntualmente si esauriscono già dal mese di settembre, e, su tutti, i tagli illogici e indiscriminati verso reparti e specialità dei nostri ospedali.E’ palese che la Provincia di Caserta è in una situazione di emergenza sanitaria che scaturisce dai continui favori amministrativi di Caldoro verso Napoli non tenendo conto, in alcun modo, le altre Province della nostra Regione: dal riequilibrio del riparto delle risorse finanziarie sino ad una programmazione reale dell’intero fabbisogno sanitario regionale”.

caserta sanita gennaro oliviero perdite asl regione
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.