Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Casalesi: arrestati per estorsione 6 affiliati al gruppo Schiavone

31 / 07 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Sono state fermate nella notte dai Carabinieri, sei pesone ritenute appartenenti al clan dei Casalesi, gruppo Schiavone, con l'accusa di estorsione ai danni di imprenditori ed esercenti, operanti nell'agro aversano e lungo il litorale domizio. L'operazione, legata a quella portata a termine il 5 giugno, nel corso della quale erano stati arrestati altri 10 camorristi, ha consentito di smantellare il sodalizio criminale che attualmente gestiva il racket delle estorsioni nei confronti di imprenditori ed esercenti nella provincia di Caserta. L'attivita' e' stata coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli ed ha documentato che tutte le estorsioni sono state commesse avvalendosi del tipico metodo mafioso caratterizzato da minacce e violenze nei confronti della vittime.   Tra gli arrestati  Oreste Reccia, 42enne di San Cipriano d’Aversa, indicato anche da recenti collaboratori di giustizia come l’attuale responsabile del clan per la riscossione dei ratei estorsivi su tutto l’agro aversano. Gli altri appartenenti del gruppo erano soliti fare capo a lui per organizzare le attività di controllo del territorio per garantire agli appartenenti al clan ed alle famiglie dei reclusi lo stipendio mensile. Un’operazione, quella dei militari aversani, che punta a debellare il fenomeno del pagamento del pizzo tre volte l’anno, in questo caso la “rata di ferragosto”.Tra gli altri arrestati: Pietro Paolo Venosa, 41 anni, di San Cipriano; Alberto Rossi, 52 anni, di San Cipriano, detto “Scupillo”; Massimo Diana, 35 anni, di San Cipriano, detto “Maruzziello”; Nicola Annibale, 33 anni, di San Marcellino, detto “Nicola ‘o specchiato”; Nunzio Clarelli, 34 anni, di Villa di Briano, detto “Nunzio bandone”.
Cronaca Aversa Casal di Principe Trentola Ducenta Trentola Ducenta Gricignano d`Aversa
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.