Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Caserta, ecco quanto pagano i commercianti al boss. I messaggi dal carcere alla moglie

18 / 02 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Dalle indagini della Dda che hanno portato questa mattina a 6 arresti a Caserta, è emerso che il marito di Maria Piccirillo, Giovanni Capone (solo indagato nell’inchiesta) ritenuto referente a Caserta del clan Belforte di Marcianise, continuava dalla cella a dare indicazioni alla moglie. Nell’attività estorsiva la Piccirillo si avvaleva della collaborazione di un fedelissimo del marito, il 41enne Alberto Francesco Spaziante, finito in manette stamani. La donna chiedeva i soldi per far fronte “alle spese legali del marito”. Numerosi i commercianti del Capoluogo costretti a pagare il pizzo dai 100 ai 500 euro, ma nessuno ha denunciato autonomamente gli emissari del clan; le denunce e la collaborazione sono arrivate solo quando i carabinieri, che già avevano avviato le indagini sulla base della propria attività di controllo del territorio, hanno cercato i riscontri agli elementi raccolti.

caserta arresti droga messaggi capone moglie
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it