Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Bacino di crisi, i lavoratori annunciano proteste a Palazzo Santa Lucia

15 / 07 / 2016

|

Redazione NoiCaserta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ad oggi non c'è nulla all'orizzonte, non c'è nessun incontro tra la Regione ed i Sindacati per far rientrare i lavoratori esclusi ex Siltal, Ex Morteo, ed ex Finimek, e meno si conosce sulla partenza dei corsi di formazione. Gli operai del “Bacino di Crisi di Caserta” scrivono una nota al presidente della regione Vincenzo De Luca sottolineando la fragilità e l'insicurezza della loro condizione attuale. “La perdita del posto di lavoro è un evento traumatico che ha implicazioni a livello psichico, sociale, relazionale, noi ci sentiamo cosi. Non conoscendo i dettagli dei corsi di formazione, l'ansia mina la nostra identità professionale, le nostre certezze, le relazioni con i familiari, e più in generale con le altre persone. Lo stress, inoltre, è più grave se a restare a casa è un ultracinquantenne”. E' quanto sostiene Nicola Preiti, neurologo e coordinatore nazionale della Fp-Cgil, medico di medicina convenzionata, mentre rileva tra i suoi pazienti che hanno perso il lavoro anche una “riduzione della fiducia in se stessi e nella capacità dei politici di affrontare i problemi”.

I campanelli d'allarme sono diversi – scrivono i lavoratori nella missiva al governatore ed all'assessore Palmeri - secondo questa testimonianza che riguarda anche il nostro caso con la preoccupazione e l'ansia crescono anche il livello della tensione, mentre si riduce la capacità di affrontare gli eventi avversi. In sostanza, subentra una minore tolleranza allo stress, fino a diventare più litigiosi con i propri familiari e in generale con le istituzioni, non siamo più capiti. Da qui il rischio di una crisi sociale. Ora l'unica certezza, che se non ci saranno risposte agiremo con dure manifestazioni di protesta fuori Palazzo Santa Lucia”.

caserta bacino crisi vincenzo de luca proteste lavoro
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.