Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Caserta, corso Giannone riapre a metà ma alla Confesercenti non basta: ‘Sospendere l’ordinanza’

22 / 01 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Corso Giannone va riaperto, non basta la parziale apertura voluta dalla nuova ordinanza del sindaco (leggi qui). La Confersecenti di Caserta interviene nuovamente sulla decisione di Pio Del Gaudio di chiudere corso Giannone per gli sforamenti di Pm10 rilevati dalla centralina Arpac, chiedendo la sospensione immediata dell’ordinanza. “La Confesercenti Provinciale di Caserta – si legge nella lettera indirizzata al sindaco - viene a formulare tale richiesta in virtù dei cinque consecutivi giorni di pioggia che hanno determinato, stando alle nostre fonti, inevitabilmente il dissolversi delle polveri sottili Pm10 e perché la chiusura al traffico di un'arteria così importante come quella di Corso Giannone crea ingenti danni alle attività commerciali della strada, del centro storico e delle zone limitrofe. La chiusura della strada, altresì, rappresenta un disagio per il regolare traffico veicolare cittadino”. Il presidente cittadino Lello Valentino ha chiesto inoltre di “intraprendere tutte le iniziative utili al miglioramento dell'area in Corso Giannone e ad evitare nuovi sforamenti e la chiusura della strada. A tal proposito si chiede intransigenza nel rispetto del divieto di sosta nel tratto di strada attualmente in vigore e di predisporre l'ampliamento del dispositivo (dalle ore 12 alle ore 14) con conseguenziale sospensione della sosta sulle strisce blu nel tratto di strada da piazza Vanvitelli e via Sant'Antonio. Ulteriormente si chiede di concertare al meglio gli orari di ingresso ed uscita delle scuole presenti nella strada, sfalsando di mezz'ora gli ingressi e le uscite, in modo tale da evitare blocchi ed ingorghi del traffico”.

caserta corso giannone chiuso confesercenti ordinanza sospensione
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.