Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

La F.C. Casertana infuriata per l'aggressione al tifoso alessandrino

22 / 05 / 2017

|

Alessia Aulicino

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Ha già fatto il giro d’Italia la triste notizia del tifoso dell’Alessandria che ieri, poco prima dell’inizio del big match allo Stadio Pinto, è stato aggredito da un branco di delinquenti. L’aggressione è avvenuta nei pressi di un bar mentre il ragazzo si trovava in compagnia di due amici, compagni di trasferta.

“E pensare che fino a quel momento l’accoglienza in città era stata splendida” ha dichiarato il supporter dei grigi, amareggiato. Per fortuna le ferite riportate non sono state gravi e già nella serata di ieri 21 maggio è stato dimesso dall’ospedale per rientrare ad Alessandria. Non è ancora ben chiaro se gli aggressori fossero degli ultras della Casertana, ma per chiarire qualsivoglia equivoco, la F.C. ha emesso un comunicato nel quale prende totalmente le distanze dal vergognoso gesto:

“La Casertana F.C. condanna fermamente l’aggressione ai danni di un tifoso dell’Alessandria perpetrata nella giornata di ieri in città, poco prima del calcio d’inizio della sfida play-off disputata allo stadio ‘Pinto’. Un episodio deplorevole da cui il popolo di fede rossoblu non può che dissociarsi. Gli applausi della nostra gente rivolti ai tifosi giunti dalla lontana Alessandria sono la sintesi di quella che è la sportività che c’ha sempre contraddistinto. Siamo certi che gli autori di tale gesto nulla abbiano a che vedere con i tanti appassionati che affollano il ‘Pinto’. Abbiamo voluto fortemente riportare le famiglie allo stadio e dare un’immagine di Caserta pulita e leale. Perché tale è! Il senso di ospitalità della nostra città non può essere certo messo in discussione. Mai accetteremo che episodi di violenza vadano a macchiare una grande festa come quella che ha colorato il nostro stadio.

Caserta FC Casertana condanna aggressione tifosi alessandria
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.