Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

L'Asl lascia a casa 26 infermieri e fisioterapisti con la scusa del doppio lavoro

21 / 12 / 2016

|

Valentina Martinisi

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Sono 26, tra infermieri, fisioterapisti e personale oss, i lavoratori licenziati dall’Asl di Caserta. Il motivo sembra essere il doppio lavoro che questi svolgono: da una parte sono lavoratori a partita iva, vincitori di un avviso pubblico del 2012, dall’altra lavorano con contratti a tempo determinato presso l’azienda sanitaria. Come il caso dell’infermiera che, da una parte, lavora presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere con partita iva e dall’altra, con un contratto part time, tramite un’agenzia di somministrazione di lavoro, presta servizio presso la centrale operativa del 118 di Caserta. Nella sua stessa situazione si trovano altri infermieri e fisioterapisti che lavorano all'interno del carcere di Santa Maria Capua Vetere e di Carinola, ma svolgono allo stesso tempo assistenza domiciliare. E’ dall’11 dicembre che 26 persone hanno dovuto lasciare il proprio posto di lavoro per ‘conflittualità’, come afferma il direttore generale dell’Asl Mario De Biasio, anche se sarebbe più corretto parlare di 20 persone, dal momento che alcuni di loro sono stati reintegrati. In queste settimane i lavoratori, anche per mezzo dei rappresentanti sindacali Felsa Cisl, hanno tentato un dialogo con i dirigenti Asl, senza tuttavia ricevere alcuna risposta in merito. Certamente sembra strano che si possa parlare di ‘incompatibilità’ o ‘conflittualità’ data dal doppio lavoro, anche alla luce del fatto che alcuni operatori sanitari sono stati reintegrati, che l’assunzione risale al 2012 (il problema sarebbe, dunque, dovuto essere sollevato 4 anni fa) e che il 75% del personale impiegato nelle carceri ha un doppio lavoro. I precari contavano sulla stabilizzazione promessa da De Luca a gennaio di cui, tuttavia, sembra che non potranno usufruire. Intanto i lavoratori si sono rivolti a dei legali per preparare un ricorso contro il provvedimento dell’Asl, mentre i rappresentanti sindacali fanno sapere che sono pronti a rivolgersi alla Corte dei Conti, nel caso in cui non venga rivisto un provvedimento considerato illegittimo.

 

caserta asl licenzia infermieri doppio lavoro
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.