Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Rischio di 3000 licenziamenti nella sanità privata, i sindacati minacciano uno sciopero

01 / 10 / 2016

|

Carla Caputo

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il 30 settembre un folto corteo ha popolato le strade di Castel Volturno per gridare 'NO' alla chiusura della struttura di riferimento di zona, Pineta Grande. "La situazione a Caserta è sempre più grave - racconta Nicola Cristiani, segretario generale Cisl Funzione Pubblica - se non va risolto entro breve la questione dei tetti di spesa rischiano il licenziamento oltre 3000 dipendenti. Purtroppo questo è il periodo peggiore lo sappiamo, ottobre, novembre e dicembre il cittadino ovviamente, chiuse le prestazioni, smette di praticare cure e terapie. Il presidente De Luca è pressoché obbligato a convocare quanto prima un tavolo che abbia a chiusura provvedimenti utili e sostanziali per sopperire ai mesi in questione. Il privato accreditato, ricordiamo, a Caserta, ha sostituito quasi per il 70% l'assistenza ospedaliera pubblica che non riesce affatto a coprire il fabbisogno del territorio intero. Qualora anche dopo la mobilitazione di quest'oggi non si addivenisse ad una convocazione urgente, Cgil Cisl e Uil confermano la giornata di sciopero generale prevista per il 17 ottobre".

caserta 3000 licenziamenti sciopero sindacati sanita
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.