Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Caserta. Redditi dei consiglieri online, ressa in aula. No di Cobianchi e Cicia: «Lede la privacy»

29 / 01 / 2015

|

Pina Monteforte

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un lungo dibattito ha animato il consiglio comunale di Caserta nel pomeriggio. Ad accendere la miccia l’ordine del giorno presentato dal sindaco Pio Del Gaudio che invita l’intera amministrazione a rendere pubblica la situazione patrimoniale applicando e rispettando, dunque, la norma sulla trasparenza. Ma il consigliere Luigi Cobianchi non ci sta e tira in ballo il diritto alla privacy contestando l’incostituzionalità della norma, frutto di uno ‘studio’ in collaborazione con la consigliera Lucrezia Cicia su incarico della conferenza dei capigruppo: «Non si può applicare una legge dello Stato disapplicandone un’altra, non si può applicare strumentalmente una norma ignorando tutte le altre che disciplinano la materia per compiere attacchi di natura politica – afferma – Non mi sono mai trovato in condizioni di conflitto d’interessi dall’inizio della consiliatura a differenza di altri e sono così certo di questa affermazione di aver provveduto a dare mandato ai miei legali di presentare denuncia querela contro chiunque abbia affermato il contrario. E’ una dato che l’inusuale ordine del giorno del sindaco – continua – sia stato prodotto guarda caso nel giorno in cui la Guardia di Finanza compiva la più estesa retata che sia stata mai eseguita nel Comune di Caserta: gli estremi della protocollazione ne fanno prova. Mi fa specie non poco che il sindaco si preoccupi di fatti secondari e non contesti, ad esempio, che sul sito istituzionale dell’Ente non viene applicata una prescrizione più significativa del decreto legislativo 33/2013 tanto a lui caro tra cui ad esempio la pubblicazione di tutti i cottimisti e di fornitori dell’Ente con la distinta dei singoli appalti conferiti e degli importi pagati». L’emendamento di Cobianchi punta a modificare la legge: 10 i voti contrari, 7 gli astenuti. Astensioni che si ripetono al momento della votazione dell’ordine del giorno da parte dell’opposizione, espressioni che stanno a significare la disapprovazione nei confronti di discussioni poco serie ed utili al bene della città: «Iniziamo a ragionare su cose più importanti». Un clima di caos invade l’aula consiliare: la maratona ‘Consiglio’ può dirsi conclusa. Nessun risultato concreto, i ‘lavori’ sono rimandati a lunedì per continuare la discussione.

caserta luigi cobianchi lucrezia cicia redditi on line pubblicazione contrari
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.