Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Felicori vola a Parigi per 'sprovincializzare' Caserta. E presenta 'Amici della Reggia'

27 / 01 / 2016

|

Valentina Martinisi

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Stamani presso la Sala degli Specchi dell’Ente Provinciale per il Turismo, l’associazione "Amici della Reggia" ha presentato il proprio programma per il 2016. A fare gli onori di casa la presidente dell’Ept Lucia Ranucci, entusiasta dell’arrivo a Caserta del nuovo direttore Mauro Felicori: "Da quando è arrivato non mi sento più sola e lavoro con maggiore entusiasmo. Sono qui a collaborare, contate su di me". La parola passa poi al direttore Felicori che presenta gli "Amici della Reggia" e le funzioni che un’associazione di tale tipo è chiamata a svolgere: raccogliere fondi, proporre progetti educativi, creare relazioni. L’associazione casertana, nata nell’ottobre del 2014, è guidata dal notaio Paolo Provitera, che spiega la mission degli "Amici della Reggia" e i progetti per il 2016. "Scopo dell’associazione è promuovere in ambito nazionale e internazionale il nostro vanto urbano, attraverso i casertani in giro per l’Italia e nel mondo. Per il 2016 vorremmo che sempre più casertani diventassero amici della Reggia, per sentirsi protagonisti di questa nuova era della Reggia. Faccio quindi un appello a tutti i cittadini residenti a Caserta, ma anche a quelli che vivono lontano, di diventare ambasciatori della Reggia in Italia e all’estero. Nel 2016 proseguiremo le visite guidate nelle residenze borboniche. E’ inoltre previsto un numero zero di un festival della letteratura e delle arti, sotto la direzione di Francesco Piccolo, il gemellaggio con il palazzo reale di Versailles, l’iscrizione alla federazione italiana "Amici dei musei". Sabato prossimo presso la Cappella Palatina della Reggia, verrà illustrato il programma dell’associazione con la partecipazione di Toni Servillo, suo presidente onorario. Presente all’incontro presso la Sala degli Specchi anche l’amministratore delegato della Gesac SpA, società di gestione dell’aeroporto internazionale di Napoli Capodichino, Armando Brunini. Una convergenza d’interesse lega lo scalo napoletano alla Reggia: la volontà di promuovere il territorio, grazie al flusso turistico, diventando attrattore per stranieri. In quest’ottica negli ultimi 3 anni sono state realizzate 15 nuove tratte internazionali e si è registrato un incremento del traffico internazionale del 40%. Le dichiarazioni dell’amministratore delegato di Capodichino sono spunto per Mauro Felicori, per lanciare il concetto di "Sistema Caserta": una rete che punta alla valorizzazione del territorio grazie alla sinergia tra enti, a partire dall’aeroporto campano e dalle ferrovie, con cui il direttore della Reggia ha già iniziato un dialogo per fare in modo che sia più facile raggiungere Caserta, sia da altre parti della regione, che dal resto d’Italia, per "conquistare una grande fetta di centro-nord". Tra i piani del direttore la creazione di relazioni con i grandi centri commerciali di Marcianise, con la Fiera d’Oltremare e il porto di Napoli. Tra gli obiettivi di Felicori la possibilità di dare alla Reggia un respiro internazionale, di "sprovincializzarla" creando relazioni internazionali. A tal fine il direttore della Reggia a maggio sarà a Parigi, dove ha sede l’associazione internazionale delle residenze reali, per tessere importanti relazioni. Felicori annuncia delle belle novità riguardo le Cavallerizze, da trasformare in uno spazio dedicato alle eccellenze del territorio. Novità anche per il Convento dei Passionisti, per il quale si prevede un progetto analogo alle Cavallerizze. Infine 'Terrae Motus', collezione di arte contemporanea, composta da 76 opere che sarà possibile ammirare negli spazi della Reggia a partire dal 1 giugno. 

caserta amici della reggia mauro felicori
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.