Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Caserta, rischio stop della raccolta rifiuti. Ecocar non paga, sindacati contro il dirigente

20 / 01 / 2016

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il cantiere di igiene urbana di Caserta, è di nuovo in stato di agitazione sindacale, perché ancora una volta il Consorzio di igiene urbana EcoCar, non ha rispettato i termini di pagamento degli stipendi di dicembre, sostenendo che il comune di Caserta non ha ancora proceduto a pagare i canoni di servizio di ottobre e novembre 2015. In aggiunta, i dipendenti oltre a non conoscere la data certa di erogazione degli stipendi, sostengono i rappresentanti sindacali Raffaele Naietta della Cgil, Pasquale Federico della Cisl e Gianfranco Spanò della Uil, "sono costretti a vivere una difficoltà operativa lavorativa che li costringe da mesi a caricarsi di una ulteriore mole di lavoro, dovuta principalmente alla mancanza di personale. Pertanto, al fine di superare almeno la difficoltà per gli stipendi di dicembre i sindacati hanno proceduto ad inviare il 16 gennaio una nota di avvio di stato di agitazione sindacale al Prefetto di Caserta e al Commissario Prefettizio del Comune di Caserta, contenente una richiesta di incontro con carattere di urgenza, per conoscere la data di pagamento delle spettanze di dicembre. Considerato che allo stato, i dipendenti del cantiere sono del tutto esasperati, pur scusandosi con gli utenti, hanno comunicato che senza un confronto urgente presso la Prefettura di Caserta, non sono più intenzionati ad eseguire nessuna prestazione di lavoro straordinario né nei giorni feriali e principalmente nei giorni festivi. Purtroppo, ancora una volta grazie alle inefficienze aziendali del Consorzio EcoCar Ambiente e di qualche dirigente del Comune di Caserta, queste spiacevoli incongruenze contrattuali, genereranno disservizi esclusivamente ai poveri cittadini che pagano le tasse".

caserta ecocar raccolta rifiuti sindacati dirigenti
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.