Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Sanità e Terra dei Fuochi, la tavola rotonda di Cisl, Cgil e Uil

12 / 04 / 2016

|

Valentina Martinisi

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Continua l'operazione avviata dalla Cisl Fp di Caserta, congiuntamente con Cgil e Uil della Funzione Pubblica, contro l'aumento delle patologie oncologiche nella provincia di Caserta e in Campania, avviata lo scorso febbraio con la fiaccolata del 5, avvenuta proprio per le strade casertane e ripetuta pochi giorni dopo nel capoluogo campano. Giovedì 14 aprile avrà luogo la prevista tavola rotonda tecnica, più volte annunciata in questi mesi. Alle ore 15.30 presso la Camera di Commercio di Caserta, in via Roma, l'incontro dal titolo: "Quale Sistema salute a Caserta. Riorganizzazione dei servizi ospedalieri e territoriali, ANALISI E PROPOSTE SU EMERGENZA PATOLOGIE TUMORALI". Invitati ad intervenire Joseph Polimeni, commissario ad acta per l'attuazione del Piano di Rientro sanitario della Regione Campania, Giuseppe Matarazzo, commissario Asl Caserta, i commissari dell'Azienda Ospedaliera Guercio, Ametta e Pace, Alfonso Giordano, direttore sanitario dell'Azienda Ospedaliera casertana, Serafino Barbati, direttore Arpa Caserta. "La sanità in Campania, purtroppo, proprio non riesce a cambiare verso, stiamo con difficoltà cercando di fare la nostra parte - precisa il segretario generale Cisl Fp Caserta Nicola Cristiani - e non ci fermeremo, abbiamo continuato a soffiare su quella fiammella che già altri prima di noi avevano acceso e intendiamo mantenerla viva. I sindacati che da sempre operano nel settore sanitario hanno il polso di quanto sta succedendo e non possiamo più consentire che la nostra terra resti la cosiddetta Terra dei Fuochi, guardando morire i nostri bambini. Ribadiamo l'importanza di questa tavola rotonda, dalla quale dovrà necessariamente uscire un provvedimento che vada verso una reale azione per fronteggiare questo terribile fenomeno, come per esempio l'istituzione di un polo oncologico d'eccellenza e l'attivazione di una serie di servizi collaterali d'integrazione tra le strutture e l'utenza, che semplifichino al massimo tutte le procedure utili a riconoscere, prendere in carico, curare e sostenere gli ammalati di patologie oncologiche". La Cisl definisce i 5 punti che andranno affrontati: una rete appropriata dell'assistenza domiciliare; una campagna di screening di prevenzione a partire dalle scuole e dai luoghi di lavoro; lo sblocco delle assunzioni e la stabilizzazione del personale precario, con una dotazione organica appropriata per la rete oncologica; il potenziamento delle strutture diagnostiche; un'adeguata rete di posti letto ad alta specializzazione per evitare i continui viaggi della speranza fuori regione.

 

caserta sanita terra fuochi cristiani cisl
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.