Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Sanità in provincia di Caserta: riduzione posti letto e pazienti costretti al Nord

09 / 02 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


La Segreteria della Confederazione Cisas (Coordinamenti Italiano Specializzandi Area Sanitaria) ed i dirigenti del settore Sanità non ci stanno ad ulteriori perdite di posti letto nella regione Campania, a favore delle strutture sanitarie settentrionali, come è stato denunciato dai vari organi di informazione. La riduzione di posti letto significa incrementare i disagi di ogni tipo degli assistiti, che sempre di più sono costretti a rivolgersi a strutture sanitarie lontane, come Toscana e Lombardia, causa anche una forte carenza di assistenza. La Cisas evidenzia che così si è creata una maggiore mobilità sanitaria ed una minore assistenza, specialmente in provincia di Caserta. A tale proposito, la Segreteria della Cisas, già in precedenza era intervenuta presso la Giunta Caldoro per tutelare i presidi sanitari del casertano che, nonostante la buona qualità del servizio e dell’assistenza, si erano visti ridurre il loro budget economico. Considerato che le varie cliniche, laboratori di analisi della provincia di Caserta erano state in passato penalizzate rispetto alle altre province della regione, la Segreteria regionale della Cisas interverrà presso il nuovo presidente della regione ed il nuovo assessore alla Sanità, affinché la Campania non sia più penalizzata rispetto alle altre regioni e la provincia di Caserta non sia più penalizzata rispetto alle altre province della regione, come avvenuto in passato. La Segreteria regionale della Cisas ritiene opportuno un incremento del budget economico rispetto a quello dello scorso anno. A tale proposito, chiederà un apposito incontro con il presidente della Regione Vincenzo De Luca.

caserta sanita riduzione posti letto ospedali
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.