Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Tasse e parcheggi, Ventre e Desiderio pronti alle denunce per i nuovi bandi del Comune di Caserta

09 / 01 / 2017

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


E' il caso della riscossione delle imposte comunali e dei parcheggi a pagamento nel Capoluogo il centro della conferenza stampa organizzata da Riccardo Ventre e Roberto Desiderio, consiglieri comunali di Primavera Casertana. Oggetto del contendere i nuovi bandi preparati dal Comune di Caserta relativamente ai due appalti scaduti nello scorso mese di dicembre e per i quali c'è stata una proroga di un mese "risibile" ha sottolineato Ventre. Ed è stato proprio l'ex europarlamentare ad annunciare la decisione di presentare una denuncia, penale e contabile, "contro l'illegittimità degli atti dell'Ente". "Dal primo giorno della campagna elettorale, Carlo Marino aveva parlato di volere un Comune come una casa di vetro. Eppure io non ho mai visto un Ente così opaco come il Comune di Caserta - ha aggiunto Ventre-. Noi avevamo proposto fin da subito l'internazionalizzazione della riscossione dei tributi e lo stesso Marino assunse, quasi costretto, lo stesso impegno. Solo che lo ha fatto col trucco, affermando che ci sarebbero voluti tre anni per mettere a regime il servizio negli uffici comunali. Ma in realtà non è così, basterebbero pochi mesi per far entrare a regime il sistema". Ed ancora: "I contratti per riscossione e parcheggi scadevano a dicembre ed il buon senso avrebbe voluto che il sindaco Marino, fin dal suo insediamento, avesse avviato le procedure per l'internazionalizzazione. Invece siamo arrivati con una gara a novembre e l'altra a dicembre, ancora neanche pubblicate. Noi impugneremo tutti i provvedimenti all'autorità giudiziaria e questo purtroppo porterà via tempo". 

Nei dettagli tecnici è entrato il consigliere Desiderio, che ha affermato: "Il nostro Ente oggi è in fase di dissesto e noi non possiamo regalare soldi alle società esterne. Partiamo dalla riscossione che oggi ci costa oltre un milione di euro in più. Nell'appalto, ad esempio, sono inserite anche imposte che vanno in autoliquidazione come l'Imu, cioè parliamo di contribuzione spontanea. Oltretutto i casertani sono ottimi pagatori: il 90% dei casertani paga l'Imu ed invece noi affidiamo la riscossione all'esterno regalando il 4% alla società che la incasserà. Aggio che naturalmente aumenta, fino al 9%, per la riscossione coatta, cioè per coloro che non la pagano. Questi sono soldi sprecati che noi togliamo dalle tasche dei cittadini". Anche sul bando per i parcheggi le cose non vanno meglio: "Quando fu fatto il bando con un aggio molto atto durante l'amministrazione comunale di Petteruti, vi erano delle spese, come quelle dei parcometri ed un'altra serie di servizi da attivare, che la società avrebbe dovuto sostenere. Ma oggi questi costi non ci sono perché non viene diminuito l'aggio?". C'è poi una questione non poco rilevante, come quello dell'Iva. "Non è possibile che il costo ricada sul Comune e non sull'utente finale, perché in questo modo gli introiti dell'Ente vengono ridimensionati ancor di più. Bisogna prendere in considerazione che quando si paga il parcheggio venga pagata anche l'Iva perché così si permetterebbe al Comune di recuperare il 22% che oggi perde". Una verifica viene richiesta anche per quel che concerne le penali nei confronti della società."Non è possibile che in caso di ritardo nei pagamenti, la penale sia appena dell'1%: è irrisoria". Infine c'è la questione dei requisiti: "Sono stati inseriti elementi che restringono, e di parcheggio, la cerchia delle società che potranno partecipare al bando di gara del Comune di Caserta. Noi crediamo che sia necessario ampliare la gamma di aspiranti affidatari per poter ottenere un servizio ad un costo migliore per i cittadini". Su questi elementi (e non solo) i consiglieri comunali di opposizione hanno annunciato un dossier che nei prossimi giorni completerà una denuncia che sarà presentata all'autorità penale e contabile.

caserta tasse parcheggi ventre desiderio denunce
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it