Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Caso Clp, l’Ugl chiede di revocare il servizio trasporti all’azienda

21 / 01 / 2014

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


"Dall'audizione della Commissione di inchiesta Anticamorra sulla problematica del Clp e' emersa la grossa problematica della discrasia temporale nella comunicazione delle interdittive antimafia tra Prefettura e Regione: il risultato e' che la Regione finisce col contrarre con societa' che non avrebbero la necessaria certificazione antimafia e tutto cio' avviene sulla pelle dei lavoratori e dei pendolari, sempre più' penalizzati dalle criticità del trasporto pubblico". E' quanto ha affermato il segretario regionale della Ugl Autoferrotranvieri Edoardo Leongito, che aggiunge: “noi restiamo, comunque, del parere che il trasporto debba essere pubblico e gestito in misura prevalente dalla Regione in quanto le privatizzazioni tout court stanno distruggendo e che, comunque, vadano revocati i servizi alla Clp in quanto mancante dei requisiti previsti dalla normativa vigente in ordine alla certificazione antimafia. Abbiamo appreso della riprogrammazione dei servizi adottata dalla Giunta regionale che portera' ai nuovi affidamenti nel campo del trasporto su gomma - ha aggiunto Leongito - e auspichiamo che sia questa l'occasione giusta per dare vita ad affidamenti ‘al di sopra di ogni sospetto' e che siano realmente in grado di tutelare i lavoratori e gli utenti. Abbiamo, però, l’impressione che la Regione intenda scaricare sui Comuni, privi di risorse, e sulle Province, ormai giunte al capolinea, il costo del trasporto pubblico – sottolinea l’esponente della Ugl – condannando inevitabilmente il settore del Tlp al tracollo facendone pagare il prezzo ai lavoratori e agli utenti”
sindacato ugl clp caserta caserta servizio
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.