Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Omicidio Ruggiero, un complice e un alibi per nascondere il corpo di Vincenzo

03 / 08 / 2017

|

Antonio Bruno

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Potrebbe scattare nelle prossime ore un nuovo decreto di fermo nei confronti del complice di Ciro Guarente, il 35enne ex marinaio che lo scorso 7 luglio ha ucciso e fatto a pezzi il 25enne Vincenzo Ruggiero.

Al vaglio dei carabinieri di Aversa, che proseguono nelle indagini, una decina tra messaggi e telefonate che l'assassino avrebbe mandato ad una persona di cui, evidentemente, si fidava ciecamente. Tracce che sono state rinvenute nei cellulari e nei dispositivi informatici sequestrati dagli inquirenti mentre proseguono i rilievi anche all'interno dell'abitazione di via Boccaccio ad Aversa che Ruggiero condivideva con la transessuale Heven Grimaldi, già legata sentimentalmente proprio a Guarente.

Ore decisive, dunque, che potrebbero determinare una seria svolta nell'inchiesta. Ieri, intanto, è stata eseguita l'autopsia sui resti della vittima. 

© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.

     
http://api.viralize.tv/vast/?zid=AABDjcQFjsvezgFO&u=noicaserta.it