Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Clamoroso all'Idrico. Il nuovo cda non s'insedia e scatta la nuova convocazione per le elezioni

04 / 05 / 2015

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Rischia di finire davvero male la querelle al Consorzio Idrico Terra di Lavoro. Dopo la riunione dell'assemblea dei soci tanto contestata che la scorsa settimana, alla presenza del presidente dell'assemblea Giancarlo L'Arco, ha provveduto a votare il nuovo consiglio di amministrazione con Pier Giorgio Mazzuoccolo presidente (voluto in prima persona dal presidente della Provincia Domenico Zinzi, che ormai è in campagna elettorale per il figlio Gianpiero), oggi c'è stato un ulteriore colpo di scena. In mattinata i nuovi membri del consiglio di amministrazione si sono recati negli uffici dell'ex Saint Gobain ma non è stato possibile l'insediamento in quanto la delibera non era stata ancora 'ufficializzata' stante l'assenza del direttore generale. Ma quello che è successo dopo ha dell'inverosimile. Perché il vice presidente dell'assemblea Luigi Munno, che era stato incaricato dal presidente uscente del cda Pasquale Di Biasio di svolgere il 'facente funzioni', ha convocato una nuova assemblea dei soci per il 24 maggio con all'ordine del giorno, di nuovo, l'elezione del consiglio di amministrazione. Praticamente è il caos, col Consorzio Idrico che a fine mese si potrebbe ritrovare con ben due consigli di amministrazione eletti dai soci.

consorzio idrico caserta pier giorgio mazzuoccolo nuova elezione insediamento consiglio di amministrazione
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.