Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Clima rovente in Comune, Ursomando difende Marino: "Autogol del centrodestra, la sfera personale è sacra"

18 / 09 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


L'attacco di sette capigruppo della maggioranza di centrodestra al Comune di Caserta nei confronti di Carlo Marino, consigliere comunale del Pd, ha scatenato una reazione a catena di rischia di rendere ancora piu' rovente il clima politico nel Capoluogo. A difendere l'ex candidato sindaco del Pd è Edgardo Ursomando, consigliere comunale di Caserta Viva, che boccia in toto il documento dei capigruppo di maggioranza. "Disapprovo con forza il contenuto del documento a firma dei consiglieri di maggioranza, attraverso il quale credono di aver tutelato il sindaco. Assolutamente no, hanno sortito solo l’effetto contrario. Ci sono regole non scritte, anche in politica, che devono essere assolutamente rispettate. Mai toccare la sfera personale; Mai intaccare la credibilità dell’avversario. Dietro ognuno di noi, c’è una famiglia, ci sono gli affetti, c’è il proprio lavoro, insomma, c’è un mondo che non deve essere scalfito e tanto più  in maniera gratuita. Mi meraviglia la caduta di stile che questa maggioranza ha avuto nei confronti dell’ ex candidato a Sindaco o meglio del consigliere comunale Carlo Marino, così come sarcasticamente evidenziato  nella nota in questione, ruolo politico che Marino ricopre con dedizione ed amore verso la sua Città, ruolo che gli è stato affidato da decine di migliaia di casertani e che senza timore di smentita svolge magnificamente, anche grazie ad una personale esperienza, che gli permettere di toccare a suo piacimento i nervi scoperti di questa maggioranza. E quando si sente dolore si può reagire in maniera scomposta e forse questa volta il dolore deve essere stato insopportabile".
Caserta Politica Sparanise Calvi Risorta Calvi Risorta Piedimonte Matese
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.