Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Coldiretti: decennio più bollente della storia, a rischio i prodotti `Made in Italy`

24 / 08 / 2012

|

Giuseppe Perrotta

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


L'andamento climatico del 2012 conclude un decennio che in Italia e' risultato il piu' bollente negli oltre due secoli dell'inizio rilevazioni a conferma della tendenza al surriscaldamento che ha fatto sentire i suoi effettii sui cicli della natura, sulle coltivazioni, sulla fauna marina e terrestre ed in generale sulla produzione Made in Italy. E' quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che se i mari si sono scaldati i cambiamenti climatici sulla terraferma si sono manifestati con la piu' elevata frequenza di eventi estremi, con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense, l'aumento dell'incidenza di infezioni fungine e dello sviluppo di insetti come le cavallette e la riduzione della riserve idriche. Si tratta di processi - sottolinea la Coldiretti - che rappresentano una nuova sfida per l'impresa agricola che deve interpretare il cambiamento e i suoi effetti sui cicli delle colture, sulla gestione delle acque e sulla sicurezza del territorio. Se in Europa per alcuni ricercatori persino lo champagne si e' dovuto inchinare ai cambiamenti climatici spostandosi nel sud dell'Inghilterra, secondo una analisi della Coldiretti il vino italiano e' aumentato di un grado negli ultimi 30 anni con il surriscaldamento che ha determinato un anticipo della vendemmia anche di un mese rispetto al tradizionale mese di settembre, smentendo quindi - sottolinea la Coldiretti - il proverbio ''ad agosto riempi la cucina e a settembre la cantina'', ma anche quanto scritto in molti testi scolastici che andrebbero ora rivisti. Il riscaldamento provoca infatti anche il cambiamento delle condizioni ambientali tradizionali per la stagionatura dei salumi, per l'affinamento dei formaggi o l'invecchiamento dei vini. Una situazione che di fatto - continua la Coldiretti - mette a rischio di estinzione il patrimonio di prodotti tipici Made in Italy che devono le proprie specifiche caratteristiche essenzialmente o esclusivamente all'ambiente geografico comprensivo dei fattori umani e proprio alla combinazione di fattori naturali e umani.
Caserta Economia Cronaca Capua Capua Piana di Monte Verna
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.