Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Come fare trading online nel 2020: guida di edilbroker.it

11 / 06 / 2020

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Fare trading online è una truffa? La risposta non può che essere: no. Purtroppo, le esperienze negative di molti traders presenti sul Web fanno apparire tale attività finanziaria come una semplice fregatura.

In realtà, evitare spiacevoli sorprese non è complicato come si pensa: sarà sufficiente seguire delle piccole dritte ed iniziare col piede giusto. Prima di tutto, la scelta della piattaforma è fondamentale per l’andamento della propria esperienza di trading.

Per quanto il settore finanziario appaia più accessibile anche a coloro che non hanno alcun tipo di esperienza, è bene negoziare con la consapevolezza che il trading online non è un gioco d’azzardo. Bisogna studiare la teoria e far pratica per evitare di sperperare il proprio capitale a causa di errori dovuti all’inesperienza.

L’articolo presenterà dei consigli per un trading online più consapevole, grazie alla redazione di edilbroker.it, da sempre punto di riferimento per i traders italiani. Il team di esperti ha, infatti, elaborato questa guida completa sul trading online per aiutare i principianti a muovere in sicurezza i primi passi nel settore.

Trading online: di cosa si tratta?

Il trading online definisce un’attività di compravendita dei beni quotati sui mercati, svolta esclusivamente via Web. Lo scopo principale di un trader è quello di ottenere rendimenti dalle oscillazioni di prezzo che un asset riporta.

Al contrario della tradizionale maniera d’investire, il trading ha reso tale attività più rapida, semplice e consente di negoziare anche partendo da piccoli capitali.

Quando si parla di trading online, è altrettanto necessario introdurre i CFD: strumenti finanziari derivati che consentono una maggiore flessibilità negli investimenti, nonché alla portata dei principianti.

Contracts For Difference: definizione

I CFD sono semplicemente degli strumenti derivati coi quali poter negoziare su qualsiasi asset di mercato senza possederlo direttamente. In effetti, s’impongono come dei veri e propri contratti che replicano l’andamento di un asset, definito “sottostante”.

In tal modo, un investitore potrà ottenere il meglio dal bene scelto in base alle variazioni di valore registrate dal momento di apertura a quello di chiusura di una posizione.

Il beneficio principale di tali strumenti finanziari riguarda la diretta esposizione sui mercati, avendo l’opportunità di investire sia al rialzo che al ribasso. Dunque, i Contracts For Difference consentono di negoziare su qualsiasi asset e, mediante la giusta previsione di mercato, procedere con strategie ribassiste. In qualsiasi caso, lo scenario di mercato non sarà più così rilevante.

I CFD si rivelano validi per qualsiasi trader, sia quello interessato al lungo termine, che per quello che preferisce posizioni short. Naturalmente, si tratta di strumenti gratuiti da poter utilizzare mediante una piattaforma intuitiva e priva di commissioni.

Trading online: rischi

Purtroppo, quando si parla di trading online è naturale menzionare anche i rischi intrinsechi del settore.

Prima di tutto, è frequente il rischio di incorrere in truffe. In questo caso, è facilmente evitabile: c’è bisogno di optare esclusivamente per piattaforme certificate e regolamentate da apposite autorità di controllo, il cui scopo è salvaguardare i traders e i loro interessi.

Inoltre, è necessario considerare i rischi legati ad ogni operazione che si effettua. Nessun investimento è mai sicuro al 100%, tuttavia esistono degli espedienti per ridurre eventuali perdite.

Gli esperti di edilbroker.it propongono una strategia semplice ma efficace: la diversificazione. Se, ad esempio, un trader è interessato al mercato azionario, sarà necessario selezionare più titoli.

Più precisamente, è consigliabile non puntare più del 3% del proprio capitale su una singola azienda, in modo da equilibrare il proprio wallet. Naturalmente, c’è bisogno di seguire criteri specifici per la selezione di un titolo: profilo della società, rendimenti passati e strategie di crescita per il futuro.

Le migliori piattaforme di trading, inoltre, permettono di utilizzare degli strumenti di gestione per il rischio, come lo stop loss o il take profit. Si tratta di ottimi punti di partenza che, sommati ad un buon periodo di pratica ed un impegno costante per tenere sotto controllo i mercati, potrebbero davvero rivelarsi utili per marginalizzare il rischio.

Trading online: considerazioni finali

Il trading online può essere tanto un’attività redditizia quanto negativa e spiacevole. Il tutto è principalmente legato alle scelte che compie un trader.

Optare per una piattaforma autorizzata e regolamentata è, senza dubbio, il primo passo per negoziare in totale sicurezza. Dandosi il tempo giusto e acquisendo l’esperienza necessaria, anche chi parte da zero potrà ottenere importanti soddisfazioni grazie al trading online.

trading
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.