Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Caserta, il Nuovo Psi sale sulla giostra delle candidature. Spunta anche il nome di Riello

18 / 06 / 2015

|

Pina Monteforte

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Trascorse le elezioni regionali, è tempo di pensare alle Comunali 2016 nella città di Caserta. Si aprono le danze per decidere le candidature a sindaco e gli scenari politici che potrebbero presentarsi alla prossima tornata elettorale potrebbero prendere proprio spunto dagli scrutini dello scorso 31 maggio.

E’ il caso, ad esempio, del Nuovo Psi, presentatosi alle elezioni regionali con la lista Caldoro presidente che ha incassato dagli elettori casertani 2227 voti. Forti dei risultati ottenuti, gli esponenti del partito quasi sicuramente accantoneranno l’idea di fare da ‘fanalino di coda’ al partito di Berlusconi, sottoponendosi al voto dei cittadini con una candidatura autonoma.

Parte da qui il ragionamento sulle possibili candidature a sindaco tra cui quella di Pasquale Napoletano che vanta la recente esperienza da assessore comunale di Caserta e che dunque potrebbe immettersi in pista in prima persona. Ma potrebbe anche esserci una 'candidatura a sorpresa' che potrebbe vedere Pietro Riello giocare la partita delle amministrative nel ruolo di candidato a sindaco del Comune Capoluogo. Eletto nel 2006 sindaco di Castel Morrone, Riello sta ricoprendo la carica di primo cittadino per due mandati consecutivi. Il timer sta per scadere e la corsa alla poltrona di Palazzo Castropignano potrebbe essere per Riello una buona occasione per non uscire dalla scena politica.

Se da un lato il dato registrato nella partita delle Regionali non gli ha permesso di fare il suo debutto al parlamentino di Palazzo Santa Lucia, dall’altro ci sono da studiare le 1014 preferenze espresse dagli elettori casertani che, confrontate con quelle incassate dai candidati made in Caserta nella lista Forza Italia, non sono poche.

C’è da tener conto, infatti, che Pietro Riello è stato sponsorizzato in città dai ‘soli’ Lorenzo Gentile, ex consigliere comunale dell’amministrazione targata Pio Del Gaudio, e dall’ex assessore Pasquale Napoletano.

Certo, i 1978 voti di differenza che separano il sindaco ‘morronese’ dal pupillo di Del Gaudio non sono pochi. Ma c’è anche da considerare che l’ex assessore Giuseppe Greco, candidato alle Regionali con la lista di Forza Italia, è stato appoggiato da gran parte della squadra ‘delgaudiana’ così come l’ex consigliera Lucrezia Cicia, che segue coi suoi 1494 voti Gianpiero Zinzi, il quale con l'appoggio di 4 consiglieri comunali e gran parte dell'amministrazione provinciale ha registrato oltre i 2000 voti.

Ai dati regionali si aggiunge anche la spaccatura interna al partito dei forzisti, i quali potrebbero rispondere all’appello delle Comunali facendo a meno di una candidatura unitaria. E’ in questa analisi politica post Regionali che si fa spazio il progetto politico del Nuovo Psi che potrà rivendicare la propria posizione sulla scia dei risultati ottenuti. La partita è aperta ed intanto è fissato per lunedì un tavolo di confronto con l’ex governatore della Regione, Stefano Caldoro.

caserta nuovo psi giostra candidature pietro riello sindaco
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.