Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Comune di Caserta, l’MpA inguaia l’Udc. Il voto dei centristi sul Consuntivo ‘non serve’

10 / 05 / 2013

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Puo’ il sindaco di Caserta Pio Del Gaudio dormire sogni tranquilli per il voto sul Consuntivo senza avere la certezza di sette voti? A quanto pare sembra proprio di sì ed anche per questo motivo il primo cittadino non si sta ‘sbattendo’ più di tanto per recuperare, in fretta, il rapporto coi consiglieri Udc. Che, con un documento della scorsa settimana, hanno annunciato la propria decisione di tornare sull’Aventino in attesa di un chiarimento col resto della maggioranza ma che, intanto, sembra essersi autoescluso dalla maggioranza. Ed alla fine i consiglieri guidati da Pierpaolo Puoti e dal vice segretario Biagio Esposito si sono ritrovati col cerino in mano. Perché, in vista del consiglio comunale sul Consuntivo del 15 maggio, sembra che Del Gaudio non abbia bisogno dei loro voti per l’approvazione. Anche perché l’MpA di Massimiliano Marzo, Massimiliano Palmiero ed Antonio Maiello, ha promesso il proprio voto al sindaco ed al coordinatore vicario del Pdl Angelo Polverino che ha effettuato una sorta di verifica di controllo in tutti i gruppi consiliari. A favore dovrebbero votare anche gli indipendenti Luigi Bologna e Saverio Russo ed allora, a conti fatti, Del Gaudio puo’ stare tranquillo.
comune caserta sindaco pio del gaudio pio del gaudio voto udc
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.